Volontariato: slegato e ringraziato

Una nuova legge regionale per semplificare la vita di chi si impegna a favore degli altri. E una volta l’anno sarà tempo di “volontariato pride”.

Let the colors fly away

Meno vincoli e più sorrisi per il volontariato emiliano e romagnolo. Una nuova legge regionale, approvata la settimana scorsa dall’Assemblea legislativa, semplifica e sburocratizza la materia, istituendo allo stesso tempo la “Giornata della cittadinanza solidale”, per dare più visibilità a chi si spende quotidianamente sul territorio in nome della alla solidarietà.

La legge “Semplificazione della disciplina regionale in materia di volontariato, di associazionismo di promozione sociale e del servizio civile” istituisce un unico registro regionale delle associazioni di volontariato e promozione sociale. In questo modo gli enti locali avranno a disposizione un pratico elenco di soggetti certificati, su scala emiliano-romagnola, per i propri progetti in collaborazione con il terzo settore. L’elenco unico prende il posto dei vecchi registri provinciali (aboliti definitivamente dal 30 giugno 2015).

Novità e semplificazioni anche per il Servizio civile regionale (prima fra tutte un’unica fascia di età dai 15 ai 29 anni).

Da quest’anno, poi, l’ultimo sabato di settembre vedrà celebrata in Emilia-Romagna la “Giornata del cittadino solidale”. Un’occasione per conoscere da vicino tutte le forme di volontariato messe in campo ogni giorno in favore della collettività.

“Senza l’apporto disinteressato di decine di migliaia di volontari – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – le nostre comunità sarebbero più povere: di servizi, di relazioni, di cultura. L’impegno dei volontari è inestimabile e la loro attività spesso insostituibile. Basti pensare che nella nostra Regione sono circa 3mila e associazioni di volontariato. Questa legge cerca di semplificare loro la vita, istituendo allo stesso tempo una festa annuale per dirgli grazie”.

La legge di semplificazione sul volontariato è parte di un insieme di provvedimenti che, in questi mesi, hanno ridisegnato il welfare regionale: dalla riforma delle Asp alla legge sul caregiver familiare, fino alla riforma della cooperazione sociale.

È possibile scaricare il testo della LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.