Contributi per le aziende che puntano all’estero, ma la priorità è l’Expo

expo2015Mettersi in mostra all’Expo di Milano, ma come? Sono molte le imprese interessate alle luci della ribalta di questo grande evento internazionale, che da maggio 2015 porterà in Italia decine di milioni di visitatori nel giro di sei mesi.

Per andare incontro alle esigenze dei potenziali partecipanti, la Regione Emilia-Romagna ha preparato un portale informativo e una serie di contributi a sostegno della partecipazione.

“È un aiuto all’internazionalizzazione delle nostre imprese – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – dato che il bando finanzia o le aziende che presentano un minimo di tre eventi esteri o all’interno di Expo 2015. Quattro mesi fa avevo interrogato la Giunta proprio sull’Expo, chiedendo lumi sul programma di partecipazione regionale. Il sostegno previsto aiuterà le nostre imprese a penetrare nei mercati esteri, meglio se in forma aggregata”.

C’è tempo fino al 12 settembre per presentare domanda di contributo alla Regione, obbligatoriamente tramite posta elettronica certificata (Pec).

I contributi, concessi fino a esaurimento delle risorse, copriranno il 30 per cento delle spese ammissibili, o il 45 per cento per le associazioni temporanee tra imprese, con importi tra i 20mila e 100mila euro per le imprese singole e tra i 100mila e i 200mila euro per le Ati.

Maggiori informazioni sul bando, e su tutte le opportunità legate alla partecipazione dell’Emilia-Romagna all’Expo 2015 di Milano, si possono trovare nel portale Internet dedicato all’evento: expo2015.regione.emilia-romagna.it

Un sito utile anche ai semplici cittadini, per conoscere gli eventi programmati dalla Regione all’Expo milanese. Eventi che, in linea con il tema dell’Expo “Nutrire il pianeta. Energia per la vita”, porranno l’accento sull’agroalimentare. Per questo l’Emilia-Romagna si presenterà col progetto “World Food research and innovation forum”, un percorso sulle eccellenze regionali che coinvolgerà esperti, ricercatori e grandi imprese per affermare l’Emilia-Romagna quale capitale mondiale del cibo.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.