Finanziamenti per l’Agricoltura con un occhio al 2020

Il nuovo PSR 2014-2020 prevede interventi pubblici per 1.190 milioni di euro

hilltopUn ritorno alle radici, nel vero senso della parola, per uscire dalla crisi. La Regione Emilia-Romagna punta sull’agricoltura come volano per l’economia e per la difesa del territorio, grazie ai 1.190 milioni di euro previsti nel Programma regionale di sviluppo rurale 2014-2020.

L’impegno finanziario della Regione è pressoché raddoppiato rispetto al Psr precedente, passando da 106 a 203 milioni di euro (il totale dei fondi prevede anche 474 milioni di contributi statali e 513 milioni dall’Europa).

Approvato in commissione la settimana scorsa, ora il Psr è pronto per il voto dell’Aula, dopo di che sarà trasmesso a Bruxelles per l’approvazione definitiva: “Il percorso del Piano è stato lungo – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – ed ha visto coinvolto per più di un anno l’intero mondo agricolo. Il Psr sarà in grado di finanziare 10mila progetti e 29mila interventi di formazione e consulenza tecnica. A livello finanziario si tratta del piano più corposo tra le regioni del Nord Italia: in questo modo l’Emilia-Romagna vuole mantenere il ruolo di regina italiana delle esportazioni di prodotti alimentari. Il nostro agroalimentare vale 20 miliardi di euro di fatturato, il 15 per cento del comparto nazionale, ed è riuscito a crescere in termini di produzione persino in tempo di crisi, segnando un più 10 per cento in cinque anni. Il sostegno del Psr all’agricoltura si tradurrà in ulteriori benefici occupazionali e ambientali”.

Il Piano punta in particolare su competitività delle imprese, innovazione, giovani e lavoro, tutela dell’ambiente e sviluppo dei territori montani.

Sul fronte della competitività, sono quasi 545 i milioni di euro di finanziamenti pubblici, destinati a cofinanziare 6.600 progetti (per un totale di 932 milioni di euro di investimenti). L’obiettivo è aumentare e stabilizzare la redditività delle imprese agricole, ammodernare i processi produttivi, sostenere le produzioni di qualità, diversificare l’attività agricola. Una corsia privilegiata sarà destinata alle reti di imprese “dalla terra alla tavola” e alle diverse forme di agricoltura organizzata, per ridurre i costi e fare sistema.

Per i giovani il Psr mette in campo misure per 130 milioni di euro. Chi avvierà una nuova impresa agricola potrà contare su un premio per il primo insediamento compreso tra i 40 mila e i 70 mila euro in base al valore del progetto aziendale, mentre gli under 40 avranno una priorità di accesso a tutte le misure del Piano.

All’innovazione vanno 96 milioni di euro di risorse (70 per cento in trasferimento tecnologico e 30 per cento in formazione e consulenza), mentre all’ambiente quasi 527 milioni di euro, impiegati per ridurre l’impatto delle attività agricole e sostenere la produzione biologica e l’aumento della biodiversità su 200mila ettari di superficie. In particolare 104 milioni di euro (per un investimento complessivo di 189 milioni) cofinanzieranno circa 1.600 progetti di investimento per ridurre le emissioni in atmosfera, razionalizzare il consumo energetico e idrico, il sequestro di carbonio attraverso la forestazione. Uno specifico “pacchetto forestazione” potrà contare su 35 milioni di euro per realizzare nuovi imboschimenti e tutelare il patrimonio forestale esistente per circa 4 mila ettari.

Un occhio di riguardo è riservato poi alla montagna che nel giro di 10 anni, tra il 2000 e il 2010 ha perso il 21 per cento di superficie agricola. Un abbandono dei campi più pericoloso rispetto alla pianura, dato che sui rilievi l’opera dell’agricoltore funge da presidio contro il dissesto idrogeologico. Per questo il Psr prevede priorità d’intervento nelle zone appenniniche oltre a 90 milioni di euro per indennità compensative e 50 milioni per la prevenzione del dissesto idrogeologico nelle aziende agricole e nelle are forestali, oltre a 93 milioni di euro per investimenti strategici contro l’abbandono del territorio, migliorando i servizi (66 dei quali destinati a sostenere le attività dei Gal). I fondi per l’ambiente permetteranno il finanziamento di almeno mille progetti sul territorio a vantaggio di circa 700 mila abitanti.

Sono previsti, inoltre, 26 milioni di euro a sostegno di 179 progetti destinati ad aumentare la dotazione di servizi, a partire dalla apertura in ogni Distretto sanitario di un polo socio-assistenziale. Verranno anche finanziati progetti di recupero di edifici pubblici che potranno essere adibiti a centri visita, punti di ristoro, luoghi di aggregazione e il contrasto al digital divide, attraverso la diffusione della banda larga e l’informatizzazione di scuole, biblioteche e musei. Saranno realizzate centraline pubbliche per la produzione di energia termica ed elettrica da fonti rinnovabili.

È possibile scaricare le SLIDE di presentazione del Psr cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.