Salvaguardia e valorizzazione dei dialetti: l’intervento in aula

L’Assemblea legislativa ha approvato all’unanimità la nuova legge regionale recante “Salvaguardia e valorizzazione dei dialetti dell’Emilia-Romagna”, di cui sono primo firmatario. Abbiamo così rimediato ad una svista, ad una patacheda (per dirla proprio in dialetto), fatta a fine anno, involontariamente, durante la annuale sessione di semplificazione, e dato nuova progettualità a questo tema, cogliendo l’occasione per semplificare le procedure di erogazione dei contributi (che erano farraginose) e dare continuità ai finanziamenti (erogati a singhiozzo negli ultimi anni). Proprio nel momento in cui siamo tutti impegnati su una riflessione che riguarda il futuro della nostra Regione, è ancora più importante avere ben chiaro chi siamo e da dove veniamo. Perché, come diceva il professor Raffaello Baldini, “certe cose succedono solo in dialetto”, e non dobbiamo disperderle.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Salvaguardia e valorizzazione dei dialetti: l’intervento in aula