Strada spianata in Emilia-Romagna per attrarre nuovi investimenti e rendere più competitive le imprese

Cloud factoryFar ripartire l’economia, e l’occupazione, con imprese in salute in grado d’investire e soddisfare la domanda interna ed esterna. Per farlo, una nuova legge regionale, approvata questa settimana dall’Assemblea legislativa, vuole ridurre la burocrazia, agevolare le nuove imprese con una tassazione ridotta, favorire l’accesso al credito, rilanciare gli investimenti pubblici e privati, combattere la delocalizzazione della produzione e premiare le imprese più responsabili e virtuose sul piano sociale.

Obiettivi ambiziosi per il provvedimento che, in attesa degli strumenti attuativi, getta la basi per una più celere ripresa dell’economia in Emilia e in Romagna: “C’è bisogno di lavoro e lavoro stabile – ha commentato il consigliere regionale Damiano Zoffoli – per questo bisogna spianare la strada agli investimenti. Il tutto, però, nel rispetto dell’ambiente: contro il consumo di suolo sarà favorito il riuso dell’esistente, privilegiando inoltre gli investimenti ecologici e tecnologici. La nostra regione vuole proporsi come uno dei territori migliori dove fare impresa, a beneficio tanto della domanda interna quanto delle esportazioni”.

Tra i principali strumenti previsti dalla legge, figura la stipula degli “Accordi per l’insediamento e lo sviluppo”. Un documento, sottoscritto da Regione, imprese, enti locali e altri soggetti, dove vengono messi nero su bianco gli impegni reciproci, dagli investimenti ai tempi di realizzazione. La Regione si assume, in particolare, il compito di collaborare con tutte le amministrazioni pubbliche coinvolte per assicurare uno svolgimento efficace e tempestivo dei procedimenti.

Per favorire gli investimenti la legge punta sull’accesso alla rete per la ricerca e il trasferimento tecnologico, la formazione delle risorse umane, la disponibilità delle reti di telecomunicazione e di servizi telematici, nonché di altre infrastrutture, sostegni per la riqualificazione energetica, contributi per la ricerca e l’innovazione, servizi alla persona. Viene evidenziato, inoltre, il ruolo che possono svolgere le attività terziarie per la specializzazione intelligente del sistema produttivo e la promozione e l’attrazione di investimenti.

Sul piano urbanistico vengono individuate procedure di riduzione o aumento degli oneri, a seconda di investimenti in aree già classificate o di nuova classificazione. Sono previste inoltre agevolazioni Irap per le imprese innovative, sostegno all’aggregazione tra imprese, un rafforzamento dei Consorzi fidi, un premio regionale per la responsabilità sociale d’impresa e misure di contrasto delle delocalizzazioni produttive.

È possibile scaricare il testo della LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.