Approvata la nuova legge elettorale regionale

Via il ‘listino’, sì alla parità di genere, massimo due mandati consecutivi per il presidente.

L'Assemblea legislativa approva la nuova legge elettorale regionale

L’Emilia-Romagna ha una nuova legge elettorale. L’Assemblea legislativa ha infatti approvato, con un solo voto di astensione, il progetto di legge presentato da Pd, Fds e Sel-Verdi, intitolato “Norme per l’elezione dell’Assemblea legislativa e del presidente della Giunta regionale”, che prevede un sistema elettorale di “tipo misto”, vale a dire un “proporzionale a premio di maggioranza variabile”, con l’attribuzione dell’80 per cento dei seggi con metodo proporzionale (su base circoscrizionale) e del 20 per cento con metodo maggioritario (su un unico collegio regionale). Rispetto alla norma precedente, sparisce il ‘listino del presidente’ (i 9 consiglieri regionali eletti automaticamente in quanto collegati al candidato presidente della Regione risultato vincitore) e viene introdotta la parità di genere fra uomo e donna.

Come stabilisce il primo articolo (“Composizione dell’Assemblea legislativa e modalità di elezioni”), richiamandosi allo Statuto, l’Assemblea è formata da 50 consiglieri, compresi il presidente della Giunta regionale e il candidato alla carica di presidente arrivato secondo.

Tre i punti salienti della nuova legge: in primo luogo, tutti i candidati fanno parte di liste circoscrizionali provinciali, ad eccezione del candidato presidente: come detto, si elimina così il cosiddetto ‘listino del presidente’.
In secondo luogo, il sistema elettorale deve garantire insieme la governabilità e la rappresentanza delle minoranze.
Infine, le liste devono tenere conto della parità di genere all’interno delle istituzioni.

Altro punto rilevante: la previsione del limite di due mandati consecutivi per il presidente della Giunta.

Il sistema elettorale così delineato prevede quindi che tutti i candidati alla carica di consigliere regionale siano appunto inseriti in liste circoscrizionali provinciali collegate a un candidato presidente, che costituisce la lista circoscrizionale regionale. Si prevedono inoltre coalizioni di più liste collegate allo stesso presidente.

Quaranta dei 50 seggi previsti sono assegnati, in prima battuta, nelle circoscrizioni provinciali con i quozienti interi, individuati dividendo i voti di ogni lista per il numero dei seggi più uno, e, successivamente, sulla base dei resti riportati nel collegio unico regionale.

Per quanto riguarda la garanzia di governabilità e la rappresentanza delle minoranze, c’è da sottolineare che le liste che abbiano ottenuto meno del 3 per cento dei voti validi non partecipano al riparto dei seggi, a meno che non siano collegate ad un candidato presidente che abbia ottenuto almeno il 5 per cento dei voti: norma, questa, già prevista in passato.
A garantire la governabilità sarà il premio di maggioranza: la coalizione vincente, che abbia ottenuto un numero di seggi pari o inferiore a 24 sulla base del riparto proporzionale, avrà a disposizione, oltre al seggio del presidente, altri 9 seggi. Mentre ne otterrà solo 4 nel caso in cui abbia ottenuto un numero di seggi superiore a 24. In ogni caso, alla coalizione vincente saranno assegnati almeno 27 seggi, anche attraverso una riduzione del numero dei seggi attribuiti alle opposizioni, quando questa cifra non sia raggiunta neppure con il premio di maggioranza.

La questione della parità di genere si inserisce in un contesto normativo ben definito che trova esplicitazione anche nella recentissima legge regionale 6/2014 (“Legge quadro per la parità e contro le discriminazioni di genere”).
Nelle liste circoscrizionali provinciali devono quindi essere rappresentati candidati di entrambi i generi in modo paritario, con lo scarto massimo di una unità in caso di numero dispari. Si introduce inoltre il criterio della doppia preferenza di genere: nel caso in cui l’elettore esprima due preferenze la seconda deve essere riferita a un candidato di genere diverso dal primo.

“Con l’approvazione di questo provvedimento – afferma il consigliere regionale Damiano Zoffoli l’Emilia-Romagna si dota di una buona legge elettorale, capace di esprimere un valido punto di equilibrio tra le esigenze di rappresentatività e governabilità, e soprattutto, con l’eliminazione del listino bloccato, restituisce ai cittadini la possibilità di scegliere tutti i consiglieri eletti: una nuova credibilità della politica passa anche da questo. Positivo anche l’inserimento della doppia preferenza di genere, con la consapevolezza che questo voto non esaurisce l’impegno per creare, nella quotidianità, condizioni di vera parità tra uomini e donne”.

È possibile scaricare il testo della LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.