Economia, socialità, turismo: tutto nella magia del Cinema

Una nuova legge regionale promuove e sostiene la filiera della settima arte.

_727x600_jc-com2011001n002-005Il cinema come divertimento, come luogo d’incontro, come valore aggiunto per i centri storici nonché mezzo di promozione turistica. La settima arte non racconta solo storie, ma ha ricadute che spaziano dall’economia al sociale. Ecco perché la Regione Emilia-Romagna ha varato, pressoché all’unanimità (due sole astensioni), una nuova legge con “Norme in materia di cinema e audiovisivo”.

La legge regionale, d’iniziativa della Giunta, era stata sollecitata lo scorso anno da una risoluzione dell’Assemblea legislativa. Si tratta di un provvedimento quadro, sulla scia di quanto hanno già deliberato altre regioni, che mira a coordinare assessorati diversi per ottenere risultati migliori.

“Nella nostra regione – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – operano oggi in questo settore circa 400 imprese con 8mila occupati, una importante realtà economico-produttiva, al quarto posto nel Paese, dalle grandi potenzialità anche sul fronte della promozione turistica. Per questo la legge mira a riordinare le competenze e sostenere gli operatori, a tutti i livelli, dalla formazione fino all’internazionalizzazione dei prodotti. La Regione scommette sull’intera filiera cinematografica, dalle grandi potenzialità di crescita economica e valorizzazione del territorio”.

Tra i tanti punti della legge, si prevede il riordino della Film Commission (le funzioni vengono poste in capo alla Regione), un Fondo regionale per l’audiovisivo (base per tutti gli interventi), il riconoscimento della funzione pubblica delle sale cinematografiche (specie quelle d’essai, nei centri storici e nei territori periferici e svantaggiati), con sostegni alla riqualificazione degli attuali esercizi tramite interventi di recupero e ristrutturazione edilizia. Prevista anche la promozione delle attività di cineforum, cineclub e cinema all’aperto. Il provvedimento vuole rendere l’Emilia-Romagna un bacino ideale per le produzioni cinematografiche nazionali ed internazionali, valorizzando allo stesso tempo le produzioni locali, indipendenti in primis.

“Attuando le misure previste da questa nuova legge – aggiunge Zoffoli – saremo poi in grado di intercettare i fondi dei nuovi programmi europei non appena saranno disponibili”.

È possibile scaricare il testo della LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.