Oltre 3 milioni di euro per i danni a privati e imprese colpiti dal Nevone

Definiti criteri, modalità e termini per richiedere i contributi entro il 30 settembre. Interessate le province di Forlì-Cesena e Rimini.

Forlì 1m di neve

Nuovi fondi in arrivo per privati e imprese delle province di Forlì-Cesena e Rimini colpiti dalle eccezionali nevicate di febbraio 2012.

Si tratta di 3 milioni e 154mila euro di contributi destinati a rimborsare fino all’80% delle spese sostenute per la ricostruzione, l’acquisto di un’unità abitativa e il ripristino dei danni.
La stessa copertura sarà assicurata anche per le spese finalizzate alla demolizione, ricostruzione, nuova costruzione o acquisto di un immobile destinato ad attività produttiva. Gli interessati potranno inoltrare le domande di contributo ai Comuni fino al 30 settembre.

A queste somme si aggiungono 2 milioni e 374mila euro che saranno investiti per interventi infrastrutturali e di messa in sicurezza del territorio. Una finalità per la quale è prevista l’assegnazione da parte dello Stato di ulteriori 7 milioni di euro entro il 2015, quando il totale dei trasferimenti governativi alla Regione Emilia-Romagna per fronteggiare le conseguenze del Nevone raggiungerà 12 milioni 618mila euro.

I contributi

Per i soggetti privati i contributi sono previsti per le unità immobiliari adibite, alla data dell’evento calamitoso, ad abitazione principale del proprietario o di un terzo (titolare di un diritto come usufrutto, locazione, comodato, …), distrutte o danneggiate, comprese le abitazioni rurali, e per le parti comuni danneggiate di edifici residenziali. I danni subiti devono avere un nesso di causalità diretta con l’evento calamitoso.

Costituiscono titolo per l’erogazione dei contributi la ricostruzione dell’abitazione principale distrutta, l’acquisto di un’altra e la riparazione dei danni subiti, purché comprovati da documentazione giustificativa di spesa. I contributi sono concessi fino all’80% della spesa sostenuta, al netto della franchigia di 2.600 euro e di eventuali indennizzi ricevuti da altri enti pubblici o compagnie assicurative. La percentuale potrebbe essere ridotta in relazione al numero complessivo delle richieste inoltrate e ammissibili a contributo: solo in seguito alla presentazione delle domande, e alla quantificazione dei danni ammissibili, sarà infatti possibile stabilire le quote da destinare ai singoli soggetti.

Per quanto riguarda le attività produttive, i contributi sono previsti (anche in questo caso fino all’80% della spesa sostenuta, al netto della franchigia di 5.000 euro e comunque in misura non superiore a 200 mila euro) per interventi di riparazione, ripristino, demolizione, ricostruzione o acquisto di un nuovo immobile volti a ristabilire la piena funzionalità degli edifici destinati all’attività produttiva.

Anche in questo caso i danni devono essere compatibili e congruenti con l’evento calamitoso. Nello specifico, per gli immobili danneggiati risultano ammissibili le spese per il manto di copertura, il solaio, le murature e gli impianti tecnologici (termico, elettrico, idraulico e fognario). Tra i soggetti che possono beneficiare dei fondi rientrano anche le imprese agricole la cui produzione media annua, come previsto dal Regolamento Ue 702/2014, abbia subito una distruzione superiore al 30%.

Sia per i soggetti privati che per le attività produttive la domanda, sotto forma di autocertificazione e corredata della relativa documentazione prevista, dovrà essere presentata al Comune in cui è ubicato l’immobile distrutto o danneggiato entro il 30 settembre 2014.

I soggetti interessati devono ultimare i lavori e presentare al Comune, entro il termine perentorio del 30 settembre 2015, la relativa documentazione di spesa e gli atti tecnici previsti dalla delibera di Giunta regionale. Al massimo nei 30 giorni successivi i Comuni procederanno alla liquidazione dei contributi. I moduli da compilare sono disponibili sul sito della Protezione civile.

“Si tratta di finanziamenti attesi da tempo da cittadini e imprese – spiega il consigliere regionale Damiano Zoffoli – messi duramente alla prova dall’emergenza in quelle settimane del 2012, che si sommano agli oltre 4,7 milioni di euro per le aziende agricole: risorse regionali straordinarie, messe a disposizione Regione  fin da dicembre 2012. La Regione, facendo gioco di squadra con gli altri attori istituzionali, non ha mai smesso di sollecitare lo Stato per ottenere questi stanziamenti ”.

È possibile scaricare la DIRETTIVA per i contributi ai PRIVATI cliccando qui.

È possibile scaricare la DIRETTIVA per i contributi alle ATTIVITÀ PRODUTTIVE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.