Novità per la cooperazione sociale, pilastro del sistema di welfare

Approvata la legge regionale “Norme per la promozione e lo sviluppo della cooperazione sociale”.

CerchioDopo 20 anni l’Emilia-Romagna cambia la normativa sulla Cooperazione sociale. L’Assemblea legislativa ha approvato a metà luglio, dopo un lungo percorso di ascolto delle parti sociali, una nuova legge sulla materia che va a sostituire la vecchia legge regionale del 1994.

“Quando l’Emilia-Romagna votò la legge precedente – spiega il consigliere regionale Damiano Zoffoli, tra i firmatari del provvedimento – la situazione era assai diversa. Negli anni, la cooperazione sociale è cresciuta fino a diventare un pilastro del sistema pubblico-privato di risposta ai bisogni dei cittadini. Allo stesso tempo molte altre norme, regionali, nazionali e comunitarie, sono cambiate. Per questo serviva un nuovo testo, che continuasse a sostenere e promuovere questo tipo di cooperazione, sempre più importante negli anni a venire”.

Oggi in regione operano 920 cooperative sociali con 2.530 unità locali e 37.646 dipendenti, con una crescita del 16,2 per cento nel quinquennio 2007-2012. Più del 77 per cento degli addetti è assunto con contratto a tempo indeterminato e quasi il 76 per cento è costituito da donne, mentre l’8 per cento appartiene a categorie svantaggiate, percentuale che arriva al 20 per cento nella provincia di Forlì-Cesena. Nelle cooperative cosiddette di tipo B il numero di lavoratori svantaggiati arriva al 40 per cento del totale, al di sopra della soglia del 30 per cento stabilita dalla legge 381.

Realtà importanti sul fronte dei numeri e anche dei risultati economici. Per questo la nuova legge mira a coniugare le finalità sociali delle cooperative con i risultati economici, perché si tratta a tutti gli effetti di soggetti privati con una funzione pubblica.

Viene istituito un Albo dove le cooperative saranno presenti con un doppio bilancio, sociale e di esercizio, così da mettere in luce le realtà più virtuose. Altro importante indicatore sarà il rapporto tra il numero di soci e gli altri dipendenti e collaboratori.

A differenza di oggi, sarà possibile iscriversi contemporaneamente alle sezioni A e B, mentre viene ampliata la gamma dei servizi possibili per il tipo A (includendo l’ambito sanitario ed educativo). Viene regolamentata inoltre l’iscrizione all’Albo di cooperative sociali extra regionali, che vogliono svolgere il servizio in Emilia-Romagna.

“Tra le novità – sottolinea Zoffoli – mi piace rilevare che la legge definisce le cooperative di comunità, come quelle cooperative sociali che si propongono di mantenere vive, con l’azione dei propri soci residenti in loco, zone a rischio di spopolamento. Un segno di attenzione alla collina e alla montagna, importante tanto per l’aspetto sociale quanto per quello di tutela dell’assetto idrogeologico del territorio”.

La legge determina le forme di coinvolgimento della cooperazione sociale alla programmazione, progettazione, gestione, realizzazione e valutazione dei risultati del sistema integrato di interventi e servizi alla persona.

Cambia radicalmente la normativa sugli appalti e gli affidamenti diretti, con una netta distinzione fra i casi in cui la legge consente di affidare direttamente il servizio alle cooperative sociali di tipo B per l’inserimento di soggetti svantaggiati (riconoscendo loro una capacità di generare inclusione sociale) e i casi in cui invece è necessaria la gara, che dovrà essere caratterizzata dalla presenza di clausole sociali per la Regione e gli Enti e Aziende da essa dipendenti, e potrà esserlo per tutte le altre Amministrazioni.
C’è poi l’introduzione delle “persone in condizioni di fragilità”, categoria prevista all’articolo 3, e l’inserimento di esse tra quelle destinatarie dell’intervento delle cooperative sociali di tipo B, finalizzate all’inserimento lavorativo: si tratta di “coloro che vivono una fase di vulnerabilità e debolezza transitoria a causa di difficoltà di tipo sociale ed economico”.

Tra le forme di promozione ed incentivazione delle cooperative sociali sono previste: la costituzione di un fondo rischi consortile per il sostegno a varie misure creditizie; contributi ai datori di lavoro per nuove assunzioni di persone nelle categorie protette (fino al 30% del costo effettivo della retribuzione, elevabile al 70% in caso di assunzione di ex degenti psichiatrici o disabili con invalidità superiore ai due terzi), la possibilità di fruire dei servizi erogati dalla struttura regionale di acquisto.

Viene inoltre confermata, senza oneri per bilancio regionale, una Commissione consultiva con la finalità di collaborare con la Giunta regionale in materia sociale, sanitaria, educativa, di formazione professionale e di sviluppo dell’occupazione, favorendo il raccordo tra le politiche regionali e il ruolo svolto dalla cooperazione sociale in tali ambiti.

È possibile scaricare il testo della LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.