Prestiti più leggeri per le imprese agricole

La Regione stanzia 1,625 milioni di euro per abbassare i tassi. Priorità a giovani agricoltori e zone svantaggiate.

Farmers life - ExploreOggi vengono gettati dei semi: il raccolto di domani porterà frutti in occupazione lavorativa e cura del territorio contro i dissesti. I semi odierni prendono la forma di un contributo regionale di 1,625 milioni di euro per contenere il costo del credito concesso alle imprese agricole. Contributi che potranno far crescere un “albero” di finanziamenti per 108 milioni di euro complessivi.

“Questo sostegno al credito – spiega il consigliere regionale Damiano Zoffoli – andrà in via prioritaria alle aziende agricole condotte da imprenditori con meno di 40 anni, a quelle che operano in area svantaggiata, e a chi ha già contratto prestiti di conduzione nella passata annata agraria. I benefici sono aperti a tutti, ma l’attenzione riservata ai giovani e alle zone difficili testimonia la volontà della Regione di puntare su occupazione e tutela del territorio”.

Stanziati a fine luglio dalla Giunta regionale, i contributi potranno ridurre fino a 1,5 punti percentuali i tassi praticati normalmente dalle banche. Il programma operativo per l’annata agraria 2014-2015 è rivolto all’insieme delle imprese, senza distinzioni tra settori di produzione, attraverso la concessione di un aiuto de minimis sotto forma di concorso interesse sui prestiti di conduzione. I prestiti devono essere richiesti dagli agricoltori alle banche per il tramite degli Agrifidi, gli organismi di garanzia che operano in agricoltura.

Le imprese potranno presentare domanda al proprio istituto di credito e all’Organismo di Garanzia di appartenenza fino al 3 ottobre 2014.

I prestiti per azienda devono essere compresi tra i 6mila e i 150mila euro, con l’importo massimo calcolato attraverso parametri quali le superfici coltivate, i capi allevati o le attività svolte. Si tratta di prestiti a breve termine con durata fino a 12 mesi per le spese che l’imprenditore agricolo deve anticipare per il completamento del ciclo produttivo-colturale, fino alla vendita dei prodotti.

Oltre all’abbattimento del tasso di interesse di 1,5 punti percentuali, i prestiti potranno contare sulla garanzia offerta, con capitali propri, dagli Agrifidi nonché sulle condizioni di favore ricomprese all’interno delle convenzioni che gli stessi Agrifidi hanno stipulato con gli istituti bancari.

Negli ultimi 6 anni la Regione Emilia-Romagna ha destinato 10,2 milioni di euro all’abbattimento dei tassi d’interesse per il credito d’esercizio, attivando finanziamenti bancari alle imprese agricole per oltre 624 milioni di euro.

Per maggiori informazioni, clicca qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.