Hai voluto la bicicletta? Pedala, che la Regione pensa alla ciclabile

Scenes from Hedding Street bikeway San JosePedalare non solo in città, per evitare il traffico. Pedalare non solo lanciati in velocità, per divertimento o sport. C’è una “terza via” della bicicletta ossia il cicloturismo, trascorrere la propria vacanza percorrendo centinaia, se non migliaia, di chilometri in sella alle due ruote. Manco a dirlo, oggi è un’opzione un po’ negletta. A differenza degli automobilisti, infatti, chi inforca i pedali per divertimento e vacanza non dispone nel nostro paese di autostrade dedicate e sicure.

La Regione Emilia-Romagna ha l’obiettivo di realizzare 3.800 chilometri di percorsi extraurbani per biciclette (piste ciclabili o tragitti riconoscibili e sicuri), in tutto il territorio regionale, tra tratti ex novo e recupero di tratti esistenti. Si tratta di un obiettivo di lungo periodo, da realizzare nei prossimi anni al fianco degli enti locali, dettagliato nella “Rete delle ciclovie regionali” (documento nato dalla collaborazione con le Province).

“Muoversi in bicicletta al di fuori delle città – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – dovrà essere cosa naturale, semplice e sicura, che lo si faccia per cicloturismo o per altre esigenze. Le potenzialità turistiche comunque sono notevolissime, per questo il documento inserisce le nuove ciclovie nei percorsi internazionali più riconosciuti, come Eurovelo e Bicitalia. Ai ciclisti, poi, saranno prossimamente rese disponibili delle App, scaricabili su smartphone e tablet, per accedere nel modo più immediato possibile alle informazioni utili ad apprezzare le ricchezze del nostro territorio inforcando i pedali”.

Nell’elaborazione del piano è stato previsto anche il collegamento tra i principali centri urbani, con ricadute positive dunque sulla mobilità ciclistica cittadina.

Nelle prossime settimane la Regione stipulerà una Convenzione con le Associazioni del settore per individuare i percorsi già “pedalabili”, rilevarne le caratteristiche geometriche e funzionali e geolocalizzare i percorsi.

Per informare i cicloturisti sugli itinerari e le principali attrattività dei territori attraversati, la Regione finanzierà infine la posa di segnaletica e cartellonistica dedicate.

È possibile consultare il PIANO e la CARTOGRAFIA cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Hai voluto la bicicletta? Pedala, che la Regione pensa alla ciclabile

  • Marino Savoia

    Per non fare i soliti errori di progettazione e realizzazione, andatevi a vedere come sono fatte le piste ciclabili in Austria e Germania tanto per fare un esempio. Non vorerei che si facesse l’errore tanto per fare un altro esempio, di considerare pista ciclabile quel tratto ai bordi di via Cesenatico e/o del Mare che va verso Villalta. Potrei continuare dato che percorro da cicloturista 5000 KM. all’anno.