L’export corre grazie al vino. In arrivo nuovi fondi a sostegno

wide choice

Il vino italiano si è lasciato alle spalle, da almeno un ventennio, gli anni bui del passato puntando tutto sulla qualità. Ma una volta imboccato un percorso del genere non ci si può mai dire arrivati. Per continuare a crescere e trovare il favore di nuovi consumatori le aziende devono continuare ad investire. Per questo la Regione Emilia-Romagna ha stanziato 3,85 milioni di euro a sostegno dei progetti di sviluppo delle aziende agricole e vitivinicole con attività di trasformazione e commercializzazione.

Il bando per la concessione dei contributi, approvato dalla Giunta a metà luglio, fissa il termine per presentare le domande, secondo le modalità presenti sul sito di Agrea, al 29 settembre.

Si tratta di fondi europei provenienti dall’Ocm vino, destinati a costruzione o ristrutturazione di immobili, acquisto di macchinari, impianti e attrezzature, realizzazione di punti vendita diretta o di siti di e-commerce. Gli investimenti dovranno essere compresi tra i 20mila euro ed il milione di euro, mentre i fondi potranno coprire dal 20 al 40 per cento della spesa ammissibile.

Quello del vino è un comparto che negli ultimi anni ha conosciuto una buona evoluzione, registrando in Emilia-Romagna un tasso di crescita delle esportazioni pari al 59,3 per cento tra il 2008 e il 2013, contro un dato nazionale del 37,2 per cento. Nello stesso periodo, non a caso, le risorse europee, statali e regionali per il settore vitivinicolo in Emilia-Romagna sono state superiori ai 200 milioni di euro. Soldi usati per il rinnovo dei vigneti, la modernizzazione delle cantine e la promozione sui mercati esteri.

È possibile consultare la DELIBERA cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.