I vecchi mobili della Regione rinascono nel volontariato

Torri regione Emilia-RomagnaMobili e arredamenti pubblici di proprietà della Regione tornano all’uso pubblico, in questo caso alla società civile e agli enti locali. L’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna ha disposto, a fine luglio, la cessione gratuita ad associazioni ed enti locali di beni mobili dichiarati fuori uso: pannelli espositivi, bacheche, schedari, librerie, poltroncine e altri mobili di vario tipo. Un’interessante opportunità di cui tante Onlus hanno già usufruito in passato, ma ancora poco conosciuta.

Gli interessati potranno visionare i materiali su Internet o, fino al 30 settembre, dal vivo presso il magazzino centrale della Regione (viale Aldo Moro 50, Bologna). Le domande potranno essere presentate entro le ore 14 del giorno 3 ottobre 2014 al servizio competente dell’Assemblea legislativa (servizio Organizzazione, bilancio e attività contrattuale, viale A. Moro, 68 – 40127 Bologna).

Per poter presentare richiesta bisogna rientrare nelle seguenti categorie: Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (Onlus); istituti scolastici pubblici e privati; Enti, anche non riconosciuti, senza scopo di lucro e con finalità ad esempio di tipo culturale, assistenziale, ricreativo, sociale, sportivo, di culto, risultanti da indicazioni contenute nello statuto; Enti pubblici (ente locale, struttura sanitaria, forze dell’ordine, ecc.).

I beni ceduti dovranno essere ritirati entro e non oltre 15 giorni dall’assegnazione, previo appuntamento. Le spese per il trasporto dei beni ceduti sono a carico del richiedente.

E’ possibile scaricare l’avviso pubblico pubblicato sul Bollettino ufficiale telematico della Regione Emilia Romagna a QUESTO indirizzo.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.