Frane e consolidamenti: dalla Regione 9,7 milioni per interventi di Protezione civile

Frana di Montevecchio - Copyright Corriere CesenateConsolidamenti, ripristino di strade ed edifici, messa in sicurezza di movimenti franosi. E’ corposa la lista di interventi (quasi una novantina) del Piano di Protezione civile da 9,7 milioni di euro della Regione Emilia-Romagna.

Si tratta di fondi destinati alle aree più duramente colpite dal maltempo tra il dicembre 2013 e il marzo 2014. Il piano, messo a punto dall’Agenzia regionale di Protezione civile, è stato approvato questa settimana dal Dipartimento nazionale di Protezione civile. Allo stanziamento statale si aggiungono 7 milioni di euro già destinati dalla Regione ad interventi di massima urgenza.

Nel cesenate spicca, su tutti, l’intervento sulla frana di Montevecchio (frazione di Cesena tra Borello e Montaguzzo), con un finanziamento di 300mila euro per gli interventi di consolidamento del movimento franoso messi in opera dal Servizio Tecnico di Bacino Romagna.

A Bagno di Romagna 100mila euro andranno per il ripristino e la messa in sicurezza, ad opera della Provincia, della Strada provinciale 142 “dei Mandrioli”.

Nel forlivese sono previsti interventi a Civitella di Romagna (50mila euro sulla strada comunale di Castagnolo al fine di evitare l’isolamento della frazione), Dovadola (70mila euro per il ripristino della transitabilità sulla strada di bonifica Pittarola), Predappio (80mila euro al Servizio tecnico di bacino per la messa in sicurezza dell’alveo del fiume Rabbi, in corrispondenza dell’Opera San Camillo), Santa Sofia (180mila euro per la messa in sicurezza della strada provinciale 112 “Isola Biserno – Ridracoli”). A questi si aggiunge un intervento già completato a Tredozio (53mila euro per il ripristino urgente della strada comunale Tredozio – Rocca San Casciano, in località La Pianaccia).

Importante anche la messa in sicurezza, nel riminese, dell’abitato di San Leo, parte del cui antico borgo ha cominciato a franare nei mesi scorsi. La messa in sicurezza dell’abitato e la realizzazione di una variante alla circonvallazione costeranno 770mila euro.

Delle 88 opere in programma, 77 riguardano lavori di ripristino (8 milioni di euro), 7 interventi di urgenza (450mila euro), mentre per l’assistenza alla popolazione sfollata sono stati stanziati 432 mila euro.

“All’appello mancano comunque – spiega il consigliere regionale Damiano Zoffoli – i fondi per i risarcimenti destinati a cittadini e imprese. Ad oggi la Regione è impegnata, con gli enti locali, nella ricognizione dei danni registrati da privati e attività produttive. Sulla base di quanto rilevato, proseguirà il dialogo col Governo per ottenere nuovi fondi a loro destinati”.

E’ possibile consultare l’elenco completo degli interventi cliccando QUI.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.