Più risorse per il Servizio civile

Servizio Civile: la storia di AbiIl progetto “Garanzia Giovani” è partito anche in Emilia-Romagna ma c’è un rischio da scongiurare: quello che resti senza benzina strada facendo. Rivolto ai ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studiano né lavorano, il progetto si propone di dare ai giovani l’opportunità di acquisire competenze ed entrare nel mercato del lavoro.

Tra le misure previste c’è anche quella del servizio civile. Ed è proprio su questa che il consigliere regionale Damiano Zoffoli ha puntato il dito, con un’interrogazione alla Giunta regionale relativa ai finanziamenti previsti: “Ad oggi in Emilia-Romagna sono stati selezionati 113 progetti di servizio civile regionale, per un totale di 527 posti a disposizione dei ragazzi iscritti al Progetto. Ma i 519mila euro stanziati darebbero la possibilità solo a circa 90 ragazzi di intraprendere un’esperienza di servizio civile, a fronte del migliaio di richieste già registrate”.

E dire che la Regione avrebbe a disposizione oltre 74 milioni di euro di fondi totali destinati al progetto, mentre sul territorio sarebbero ben 112mila i giovani inattivi (non più inseriti in un percorso scolastico/formativo né impegnati in un’attività professionale): “Giovani che – continua Zoffoli – rischiano di rimanere intrappolati tra marginalità e povertà, di non acquisire le necessarie competenze per un successivo inserimento professionale. Dal 2008 al 2013 il tasso di disoccupazione giovanile fino a 24 anni è triplicato, passando dall’11,1 al 33,3 per cento. Un’intera generazione rischia di finire nella spirale della sfiducia e dello scoraggiamento, senza prospettive di vita”.

La delibera di Giunta che ha ripartito i fondi tra le diverse misure, approvando lo schema di convenzione con il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, è dell’aprile scorso. In essa è prevista la facoltà di cambiare l’allocazione delle risorse entro il termine del 30 settembre 2015.

Proprio a questa possibilità fa riferimento Zoffoli nella sua interrogazione alla Giunta: “È necessario aumentare le risorse destinate alla misura servizio civile, per rispondere alle aspettative dei giovani che hanno liberamente scelto questa esperienza, consentendo quindi il finanziamento di tutti i progetti presentati dagli enti iscritti all’Albo regionale. Non è pensabile che al servizio civile sia stato destinato solo lo 0,7 per cento delle risorse complessive”.

A metà settembre erano registrati a Garanzia Giovani oltre 12mila ragazzi residenti in Regione, mentre sarebbero quasi 19mila quelli che hanno scelto l’Emilia-Romagna per l’offerta di progetti e servizi.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.