Contributi alle Start up innovative

Sostegni fino a 100mila euro per le piccole imprese dedite a ricerca e nuove tecnologie.

50G Silicon Photonics VerbindungUn’iniezione di fiducia e liquidità alle giovani imprese innovative. Arriva dalla Regione Emilia-Romagna che ha messo a bando contributi fino a 100mila euro.

Ad essere interessate sono le piccole imprese costituite dopo il 1° gennaio 2011 (piccole imprese singole, consorzi, società consortili e società cooperative), classificate come “start up innovative” nella sezione speciale del Registro delle imprese nelle rispettive Camere di commercio.

Per essere ritenute “innovative” le imprese devono utilizzare almeno una tecnologia tra microelettronica, microsensoristica, microfotonica, biotecnologie industriali, tecnologie digitali, micro-nanotecnologie o materiali avanzati.
Devono, inoltre, operare in almeno un settore tra salute ed alimentazione, energia e ambiente, chimica verde, mobilità sostenibile, fabbrica intelligente, domotica, edilizia sostenibile, aerospazio, servizi innovativi, cultura e creatività, inclusione sociale.

“Obiettivo di questo bando – spiega il consigliere regionale Damiano Zoffoli – è quello di supportare, nella prima fase di vita, le imprese ad elevato contenuto di conoscenza, che sviluppano prodotti e servizi ad alta tecnologia o che valorizzano economicamente i risultati della ricerca. Dalle idee di queste giovani imprese possono germogliare importanti ricadute economiche, e occupazionali, per tutto il territorio”.

L’intervento sostiene i costi necessari in fase di start up e i primi investimenti finalizzati all’espansione dell’impresa. L’agevolazione prevista consiste in un contributo in conto capitale, corrispondente al 60 per cento della spesa ritenuta ammissibile (che non deve essere inferiore a 75mila euro), mentre il valore massimo dei singoli importi erogabili non potrà superare i 100mila euro.

Prevista una maggiorazione, pari al 10 per cento del contributo concesso, per i progetti che prevedono alla loro conclusione un incremento dei dipendenti assunti a tempo indeterminato pari ad almeno 3 unità rispetto alla data di presentazione della domanda.

Le spese dovranno essere sostenute a partire dalla data di presentazione della domanda, tranne una piccola parte (non superiore al 20 per cento del costo totale del progetto) che potrà essere già stata sostenuta.

Il termine per la presentazione delle domande è il 31 marzo 2015. Dovranno essere presentate esclusivamente on line e trasmesse (complete dei documenti obbligatori, firmati digitalmente dal legale rappresentante dell’impresa) all’indirizzo di posta elettronica certificata del Servizio politiche di sviluppo economico, ricerca industriale e innovazione tecnologica (sviluppoeconomico@postacert.regione.emilia-romagna.it).

Le domande presentate entro il 31 dicembre saranno esaminate entro il 31 marzo 2015. Per quelle presentate entro il 31 marzo, l’istruttoria si chiuderà entro il 30 giugno.

E’ possibile consultare il BANDO e la modulistica necessaria per presentare domanda QUI

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.