“Oggi ci pensa papà”

congedi parentaliSi chiama così la campagna di promozione, realizzata dalla Regione Emilia-Romagna e finanziata dal Dipartimento delle Pari opportunità (Presidenza del Consiglio dei ministri), dei congedi per i papà, per informare e sensibilizzare le figure paterne sui congedi dal lavoro retribuiti e coperti da contributi previdenziali.

“In un quadro nazionale – afferma il consigliere regionale Damiano Zoffoli – in cui ogni anno 4 donne su 10 lasciano il lavoro per prendersi cura dei figli e una mamma occupata su 2 utilizza il congedo parentale, contro il 6,9 per cento dei papà, occorre informare e sensibilizzare i padri per renderli consapevoli delle nuove opportunità createsi con l’entrata in vigore della legge 92/2012 che ha introdotto i congedi parentali. Guardiamo con particolare interesse a questi strumenti, perché contribuiscono anche al superamento dello stereotipo che vede solo le donne come principali responsabili del lavoro di cura”.

Il congedo parentale può essere obbligatorio o facoltativo. Il primo consiste nella possibilità, da parte dei padri dipendenti del settore privato, di avvalersi entro i primi 5 mesi dall’arrivo del bambino di un giorno di congedo obbligatorio completamente retribuito e coperto da contributi previdenziali, riconosciuto anche se uno o l’altro genitore decidono di usufruire delle altre forme di congedo previste. Per utilizzarlo è sufficiente comunicare per iscritto al datore di lavoro la data scelta, con almeno 15 giorni di anticipo. Con il congedo facoltativo, invece, le giornate sono 2, sempre retribuite e coperte da contributi previdenziali, a patto che la mamma non utilizzi per sé le stesse giornate di congedo. Anche in questo caso la scelta deve essere comunicata per iscritto al datore di lavoro con 15 giorni di anticipo indicando le date stabilite e, a entrambi i datori di lavoro, la rinuncia al congedo per quelle giornate fatte dalla madre.

La campagna informativa e il kit dei prodotti (locandina e cartoline in italiano, inglese e arabo, scaricabili e personalizzabili dalle associazioni e dagli enti che vorranno farne uso per un’informazione più capillare) si trovano all’indirizzo http://sociale.regione.emilia-romagna.it/oggicipensapapa.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to “Oggi ci pensa papà”

  • Fringui

    Urca: 1 o 2 giorni in 5 mesi, che grande concessione! Con queste politiche familiari non mi meraviglia che la natalità in Italia sia ai minimi storici.