Europa: adottato l’accordo di partenariato con l’Italia

In arrivo oltre 43 miliardi di euro nel periodo 2014-2020.

 

European Commission logo Con l’approvazione dell’accordo di partenariato da parte della Commissione europea si entra nella fase conclusiva della nuova programmazione dei fondi strutturali e di investimento europei per il settennato 2014-2020.

Ora che la strategia è definita e le risorse sono individuate, si apre il via all’investimento di 32,2 miliardi di euro per la politica di coesione (a prezzi correnti, compresi i finanziamenti nel campo della cooperazione territoriale europea e lo stanziamento per l’iniziativa a favore dell’occupazione giovanile).

L’Italia riceve inoltre 10,4 miliardi di euro per lo sviluppo rurale e 537,3 milioni di euro per il settore marittimo e della pesca.

“Questo è un grande risultato – afferma il consigliere regionale Damiano Zoffoli – dal momento che gli investimenti dell’UE contribuiranno ad affrontare il problema della disoccupazione e ad incentivare la competitività e la crescita economica, dando sostegno all’innovazione, alla formazione e all’istruzione negli ambiti urbani e nelle zone rurali. Serviranno anche a promuovere l’imprenditoria, a combattere l’esclusione sociale e ad aiutare lo sviluppo un’economia ecocompatibile ed efficiente sul piano della risorse”.

I Fondi strutturali e di investimento europei (Fondi SIE) in Italia sono infatti raggruppati in quattro settori di intervento prioritario:

– il Fondo europeo di sviluppo regionale
– il Fondo sociale europeo
– il Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca
– il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale

La politica di coesione verrà attuata mediante gli 11 programmi operativi nazionali (PO) ed un totale di 39 programmi operativi regionali a cui la Regione Emilia-Romagna sta lavorando da mesi.

Completano il quadro 23 programmi di sviluppo rurale e uno per gli affari marittimi e la pesca.

Per prendere visione della sintesi dell’accordo di partenariato per l’Italia 2014-2020 clicca qui.

Per visualizzare la tabella riassuntiva della ripartizione per obiettivo tematico clicca qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.