Zoffoli ‘vola’ al Parlamento Europeo

E’ SUBENTRATO ALLA DIMISSIONARIA MORETTI

di Giacomo Mascellani

Z-europaDamiano Zoffoli ha la valigia in mano, destinazione Strasburgo e il Parlamento Europeo. A fargli spazio è Alessandra Moretti, candidata alla presidenza della Regione Veneto, che si è dimessa così dalla carica di europarlamentare. Zoffoli infatti è il primo dei non eletti nelle liste del Pd (52mila preferenze) nella circoscrizione nord-est e ora tocca a lui.

L’ex sindaco di Cesenatico prosegue così la sua carriera politica iniziata negli anni ’90 e che lo ha visto protagonista nella sua città dove è stato eletto primo cittadino nel 1997. Nel 2001 venne confermato al primo turno raccogliendo ampi consensi e divenne noto per la sua campagna elettorale con la Z’ di Zorro e di Zoffoli appunto. Nel 2005 è stato eletto consigliere regionale dell’Emilia Romagna incarico che ha mantenuto per due legislature sino al 2014 quando decise di candidarsi alle Europee. Raccolse 52mila preferenze ma per un pugno di voti non gli riuscì l’impresa che ora ha invece centrato subentrando ad Alessandra Moretti.

Zoffoli, 55 anni, cattolico e renziano, è un politico di sinistra che non ha mai rinnegato il suo passato di democristiano; il suo faro era ed è Zaccagnini.

CIRCOSCRIZIONE NORD-EST Era il primo dei non eletti del Pd «A Strasburgo punterò su pesca, turismo ed agroatimentare». Da Bagnarola (dove abita) a Strasburgo, con una valigia carica di tante cose da fare.

Parlando di questioni concrete punta su quattro temi legati al territorio romagnolo: «Penso al turismo che è un nostro punto di forza ma nel settore stiamo perdendo posizioni; c’è la direttiva Bolkestein sulle concessioni demaniali per la quale dobbiamo salvaguardare e valorizzare il modello turistico romagnolo. Penso all’agroalimentare, un altro nostro punto di eccellenza, che va difeso come made in Italy e non per ultimo la pesca dove non è giusto che le nostre piccole e medie imprese soffrano per leggi e regolamenti fatti sui parametri delle industrie».

Spiega anche dove cercherà di fare la differenza: «Ho sempre creduto nella necessità di innovare, lavoriamo insieme per la città metropolitana della Romagna. Sono l’unico romagnolo a Strasburgo e credo in una Unione Europea più vicina ai problemi dei cittadini».

In Europa occorre conoscere le lingue. «Dobbiamo sapere parlare e scrivere in almeno tre lingue: il dialetto, l’italiano e l’inglese. Nel dialetto sono forte, in italiano sono discreto mentre in inglese devo migliorare. Comunque anche in Europa dobbiamo difendere le nostre radici e sono d’accordo con Renzi: dobbiamo far vincere la speranza contro la paura».

Il Resto del Carlino – edizione di Cesena – venerdì 16 gennaio 2015, pagina 7

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.