Ue: l’aborto inserito tra i diritti umani. E il voto diventa trasversale.

Dal Corriere Cesenate del 19/03/2015

L’aborto può essere definito un “diritto umano”? E un legame stabile tra persone dello stesso sesso può chiamarsi “matrimonio” o, piuttosto, ci si dovrebbe limitare al termine “unione civile”? Temi etici scottanti si sono intrecciati la settimana scorsa al Parlamento europeo, riunito a Strasburgo, in una serie di voti sui diritti umani che hanno registrato vistose spaccature nel Partito popolare europeo (centrodestra) e posizioni in disaccordo nel gruppo dei Socialisti e democratici (centrosinistra). Le questioni citate facevano parte di provvedimenti di più ampio respiro, uno sui diritti delle donne ed un altro sui diritti umani in genere (quest’ultimo spaziava addirittura dalle persecuzioni dei cristiani nel mondo fino alla schiavitù).
Provvedimenti omnibus, dunque, di fronte ai quali diversi deputati non se la sono sentita di “prendere il pacchetto completo”. Tra questi il neo eurodeputato Damiano Zoffoli, per il quale la seduta ha rappresentato un vero battesimo del fuoco. L’ex sindaco di Cesenatico (Pd, gruppo dei Socialisti e Democratici), alla sua prima sessione di voto nella plenaria di Strasburgo, ha suscitato scalpore votando in dissenso dal resto del gruppo.

 

Martedì 10 marzo sulla cosiddetta relazione Tarabella (dedicata all’uguaglianza tra donne e uomini nell’Unione europea), Zoffoli ha votato contro un singolo articolo per astenersi poi al voto finale: “Quasi tutti gli articoli della relazione erano condivisibili – precisa Zoffoli – tranne un passaggio, che invitava ad “agevolare l’accesso all’aborto”. Nel nostro paese abbiamo già la legge 194, penso non sia il caso di agevolare oltre. Così ho votato contro quello specifico articolo, astenendomi poi sul voto finale della relazione”.
Zoffoli ha sostenuto anche un emendamento (non approvato dall’aula) volto a riformulare il passaggio sull’aborto, agevolando piuttosto il solo accesso alla contraccezione. Un secondo emendamento sostenuto dall’eurodeputato di Cesenatico, invece, è stato approvato dal Parlamento, quello sulla competenza nazionale di sanità e diritti sessuali e riproduttivi: “Una decisione coerente con il principio di sussidiarietà ed i trattati europei”.
Due giorni dopo, giovedì 12, gli eurodeputati si sono trovati di fronte ad altre questioni eticamente spinose nel dibattito sulla “Relazione sui diritti umani e la democrazia nel mondo” (cosiddetto rapporto Panzeri), documento annuale che fa il punto sulle attività dell’Unione europea in questi campi. Un vero pot-pourri di argomenti, dalla libertà di culto alla tratta di esseri umani, dai diritti dei disabili alla difesa dei minori, dalla tortura alla pena di morte, toccando ogni campo dei diritti.

In questa occasione Zoffoli ha votato contro sia su articoli specifici che sull’intero testo: “Nella relazione, tra i tanti argomenti, c’erano riferimenti al diritto all’aborto e al matrimonio omosessuale. Io non credo che l’aborto possa essere annoverato tra i diritti umani, non lo si trova in nessuna Carta dei diritti. Esiste, piuttosto, un diritto alla maternità libera e responsabile, normato in Italia dalla legge 194. Sulla questione dei “matrimoni”, invece, il dissenso è sulla parola stessa, da riservare a mio avviso a persone di sesso diverso. Il termine matrimonio è diverso dal termine unione. Dato che, nel corso della discussione, non sono stati accolti alcuni emendamenti di modifica, ho votato contro anche nel voto finale”.

Posizioni in dissenso si sono registrate, comunque, anche nel Partito popolare europeo, con eurodeputati di Forza Italia a favore della relazione Tarabella e del rapporto Panzeri.
Bisogna sottolineare, però, come entrambi i documenti votati al Parlamento europeo non abbiano alcun valore legislativo: si tratta di semplici raccomandazioni agli Stati membri.

MiB

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Ue: l’aborto inserito tra i diritti umani. E il voto diventa trasversale.

  • Fringui

    L’aborto non si può certo annoverare tra i diritti umani Però Damiano per quanto riguarda il passaggio “sull’agevolare l’accesso all’aborto”, non si può non tener conto che l’aumento del numero dei medici obiettori in molti casi impedisce di garantire questo servizio stabilito per legge (http://www.pagina99.it/news/scienza/7217/Aborto-e-obiezione-di-coscienza–presentata-la-relazione-del-ministero.html)

  • Ignazio Spano

    L’aborto non è certo un diritto, l’aborto è un omicidio. I diritti dell’uomo devono essere rispettati dal concepimento alla morte naturale. Il primo diritto dell’uomo è quello di poter nascere, infatti, dopo il concepimento, nella donna convivono due persone ognuna delle quali ha il diritto di vivere ed ha il dovere (esistono anche i doveri) di rispettare i diritti del più debole, in questo caso il feto. Complimenti per la posizione assunta di non voler agevolare l’accesso all’aborto, ma soprattutto occorre vincere la tendenza alla mistificazione della realtà e della scienza, dei vizi fatti passare per diritti e dei doveri confusi con le comodità.