Le nostre imprese turistiche: un patrimonio da tutelare

 

4487256668_b320003f3a_z

Ho depositato nei giorni scorsi un’interrogazione scritta sul tema della cosiddetta  “direttiva Bolkestein”, che tanto sta facendo discutere, soprattutto nel nostro paese, che è tra i paesi europei col più alto numero di chilometri di costa balneabile e nel quale l’industria del turismo balneare rappresenta un’economia importantissima, con 30 mila imprese e 360 mila lavoratori del settore.

La normativa infatti, tra le altre cose, stabilisce che dal 31 dicembre 2015 la gestione di tutte le aree demaniali (compresi quindi gli arenili marittimi) debba essere messa a bando pubblico di gara, determinando così una situazione dove chiunque (multinazionali e grandi operatori del turismo) possa partecipare al bando e subentrare nella gestione degli attuali concessionari.

Tutto ciò può provocare una vera e propria rivoluzione per quel che riguarda la Riviera Adriatica, dove non esistono di fatto aree marittime ancora non gestite, e dove l’incertezza di perdere gli investimenti fatti sta determinando una situazione di immobilismo, con un conseguente contraccolpo qualitativo sull’industria del turismo, che come sappiamo ha bisogno di rimanere al passo coi tempi per quel che riguarda qualità ed innovazione.

Il Governo Italiano è riuscito ad ottenere dalla Commissione Europea una proroga fino al 31 dicembre 2020 delle concessioni, ma 5 anni non bastano, a mio avviso ne servono almeno 20.

Proprio per questo, sono d’accordo con al presa di posizione di tutte le Regioni italiane che chiedono al Governo di proporre alla Commissione Europea un “doppio binario” per le concessioni di aree demaniali: una normale gara europea per quelle ancora non assegnate (come previsto dalla direttiva Bolkestein) e parallelamente una proroga di almeno 20 anni per quelle già assegnate, a favore degli attuali concessionari, con garanzie sugli investimenti e nuove regole per i canoni.

Nell’interrogazione scritta che ho presentato, chiedo appunto che cosa ne pensa la Commissione Europea di questa proposta del “doppio binario” .

 

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Le nostre imprese turistiche: un patrimonio da tutelare