Stop ai minerali di sangue, sì alla tracciabilità obbligatoria

IMG-20150519-WA0002Si sta discutendo in queste ore nella Sessione Plenaria di Strasburgo, un progetto di regolamento per combattere il commercio dei “minerali provenienti da zone di conflitti”, in particolare contro quello dello stagno, del tungsteno, del tantalio (3TG) e dell’oro che alimentano una violenza dalle conseguenze devastanti per le popolazioni delle diverse regioni del mondo, come la Repubblica Democratica del Congo (RDC) e la Colombia.

Molti parlamentari, compresi quelli del gruppo S&D, stanno lavorando per modificare il testo proposto dalla Commissione Europea, che appare troppo debole per permettere un reale cambiamento, poiché lascia agli importatori stessi la decisione di acquistare in modo responsabile o meno i minerali di cui sopra. Il meccanismo volontario che il regolamento intende introdurre tocca solo lo 0,05% delle aziende che utilizzano o vendono questi minerali in seno all’UE. Vale a dire che se si adottasse la proposta della Commissione, nessuna società sarebbe giuridicamente obbligata a verificare se partecipa al finanziamento di conflitti o di violazioni dei diritti umani.

Anche la posizione della Commissione Parlamentare sul commercio internazionale non è particolarmente incisiva. Essa raccomanda in effetti l’introduzione di misure obbligatorie e vincolanti di “diligenza ragionevole” ma solo per una ventina di fonderie e raffinerie con sede in Europa. C’è bisogno di obblighi giuridici che si applichino a tutte le imprese suscettibili di immettere “minerali dei conflitti” nel mercato europeo e non solo a una manciata di grandi fonderie e raffinerie.

L’introduzione di misure vincolanti che regolerebbero efficacemente l’insieme del commercio – e non solo una sua parte – consentirebbe all’Unione europea di essere al primo posto nel mondo in materia di trasparenza, di responsabilità sociale e di sostenibilità delle pratiche commerciali. In questo modo, l’UE si allineerebbe alle normative dell’OCSE in materia di approvvigionamento e a quelle, di carattere obbligatorio, già adottate negli Stati Uniti e in diversi paesi africani, tra cui la Repubblica Democratica del Congo.

Gli Eurodeputati hanno oggi un’opportunità importantissima per contribuire a spezzare i legami esistenti tra il commercio di minerali, i conflitti e le violazioni dei diritti umani, come le numerose violenze sessuali, e di anteporre i diritti umani delle persone agli interessi economici.

“Il problema principale è la base volontaria con cui le aziende dovranno applicare questi criteri di trasparenza – dichiara Damiano Zoffoli – stiamo lavorando per modificare il testo e rendere obbligatoria per le aziende la tracciabilità e la chiarezza sulla provenienza delle materie prime; in questo modo riusciremmo davvero a rendere concrete le nostre dichiarazioni e rendere l’Europa più solidale e vicina alle popolazioni che subiscono guerre e sfruttamenti. Abbiamo oggi un’opportunità storica per contribuire a spezzare i legami esistenti tra il commercio di minerali, i conflitti e le violazioni dei diritti umani, dobbiamo avere il coraggio di coglierla.”

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.