Congedo di maternità: la spinta finale

DSC_0139Un altro importante atto votato nell’ultima plenaria di Strasburgo, è stata una risoluzione sul tema del congedo di maternità, un tema di cui si dibatte da anni nelle sedi europee ma che fino ad oggi è rimasto bloccato in sede di Consiglio ed oggi a rischio ritiro da parte della Commissione; proprio per questo c’è bisogno di una “spinta finale”.

Un po’ di storia per inquadrare l’argomento: la nuova direttiva sul congedo di maternità è stata proposta dalla Commissione nel 2008 con l’obiettivo di migliorare la protezione e i diritti in materia di occupazione delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento e di contribuire a una migliore conciliazione di vita professionale, privata e familiare.

La direttiva del 2008 doveva sostituire quella del 1992 attualmente in vigore, che prevede un congedo di maternità della durata minima di 14 settimane, due delle quali obbligatoriamente ripartite prima e/o dopo il parto, come pure un’indennità adeguata in sostituzione della retribuzione, nel rispetto delle legislazioni nazionali. La revisione proposta dalla Commissione porterebbe la durata minima del congedo di maternità a 18 settimane, di cui almeno 6 da utilizzare obbligatoriamente dopo il parto, e fisserebbe un’indennità pari all’intera retribuzione.

Il Parlamento ha approvato la proposta nel 2010 apportandovi alcune modifiche, volte in particolare a estendere la durata minima del congedo di maternità a 20 settimane e a introdurre un congedo di paternità di due settimane alle stesse condizioni di quello di maternità. Viene inoltre riconosciuto il diritto al congedo di maternità anche ai genitori adottivi e per qualunque contratto di lavoro, incluso un contratto di lavoro domestico.

Dopo la prima lettura da parte del Parlamento, l’iter della direttiva ha subito una battuta d’arresto in seno al Consiglio; alla luce dei modesti sviluppi registrati da allora, Jean-Claude Juncker ha annunciato l’intenzione di ritirare la proposta in assenza di progressi nei successivi sei mesi.

Proprio per questo ci si è sentiti in dovere di approvare una risoluzione, per non far sì che tutto il lavoro svolto fino ad oggi cada nel vuoto e per combattere il calo delle nascite che purtroppo colpisce sempre di più il nostro continente anche a causa delle disparità dei trattamenti lavorativi che si attuano per uomini e donne.

“Non possiamo lasciare che su un tema così importante non si legiferi perchè scadono i termini – commenta Damiano Zoffoli – il congedo di maternità è fondamentale per dare la possibilità alle donne di poter avere un lavoro soddisfacente e allo stesso tempo poter avere figli, quindi per sostenere le famiglie; queste modifiche che il Parlamento propone da anni perseguono l’obiettivo di azzerare le disuguaglianze tra uomini e donne sui luoghi di lavoro, non possiamo tollerare un’ Unione Europea dove alcuni stati membri hanno 2 settimane di congedo obbligatorio e altri 22. La proposta che stiamo portando avanti è quella di arrivare a 20 settimane obbligatorie per tutti e la risoluzione votata qualche giorno fa chiede proprio che si faccia presto e che si arrivi in tempi brevi ad una legge.”

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.