Partito Socialista Europeo: cambiare e guardare al futuro

Party_of_European_Socialists-horzIl Partito Socialista Europeo è a una fase di svolta, e il congresso che inizierà domani a Budapest è un’ottima occasione per riflettere. Anche in Europa è il momento di “cambiare verso”.

Non possiamo più essere un partito che guarda al passato, come a volte purtroppo ci capita, ma dobbiamo aprirci al futuro.

Serve una riflessione sul nostro modo di essere partito, sulla necessità di aprirci ad altri mondi sociali che non sono espressione diretta della tradizione socialista ma che incarnano in pieno i valori sociali, civili e morali che devono guidare la nostra storia politica, come è avvenuto in Italia, con la nascita del Partito Democratico, che ha saputo fondere diverse tradizioni politiche in un soggetto unico che riunisce oggi la maggioranza degli italiani.

Proprio per questo penso che il rinnovamento del Partito Socialista Europeo debba partire da un cambio del nome del Partito, che non è una pura formalità ma un atto di sostanza, un segno di costruzione di nuovo modo di intendere la politica, al passo coi tempi, così come è avvenuto al Parlamento Europeo con la costituzione del gruppo S&D.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.