Riorganizzazione di Poste Italiane, un progetto da ripensare

1393148589_cf49d13934_zNegli ultimi tempi mi sto occupando del tema del progetto di  riorganizzazione di Poste Italiane, e dei disservizi che potrebbe portare; infatti il piano presentato all’AGCOM e in attesa di approvazione prevede, per le zone d’Italia più difficilmente raggiungibili, la consegna della posta non più quotidianamente ma a giorni alterni, una settimana tre volte, quella dopo due.

Un tema di cui da tempo si sta occupando anche la Regione Emilia Romagna, che col lavoro degli assessori e dei consiglieri di maggioranza e minoranza, insieme al prezioso aiuto dell’ANCI, è riuscita a ottenere un piccolo stop da parte di Poste Italiane nella presentazione del piano.

Insieme al collega David Sassoli e in contatto con Francesco Zanotti, presidente della FISC (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) stiamo lavorando perchè questo piano venga modificato, anche perchè tra le altre cose è in palese contraddizione con il Regolamento Comunitario.

Quello delle poste è un servizio che da decenni rende vive le nostre comunità, le anima, e consente di rimanere collegati col mondo anche e soprattutto i cittadini che vivono in zone difficili da raggiungere.

Proprio per questo trovo impresentabile la proposta di riorganizzazione di Poste Italiane, una proposta che escluderebbe dalla consegna quotidiana della posta oltre 5.200 comuni su poco più di 8.000 e coinvolgerebbe oltre 15 milioni di cittadini.

Detta così, senza declinarla nel concreto, non sembrerebbe neppure un fatto enorme. Ma se si pensa alla consegna a casa degli abbonati dei quotidiani e di periodici, soprattutto alcuni che sono veri e propri “quotidiani” che escono una volta alla settimana, allora si comprende immediatamente la portata negativa di una tale innovazione.

Certo l’avvento di internet ha cambiato le cose e costretto le poste di tutto il mondo a ripensare ai propri servizi, ma in Italia stiamo assistendo al paradosso per cui le comunità che verranno penalizzate da questa riorganizzazione sono le stesse comunità che spesso non hanno collegamenti internet veloci e per i quali una diminuzione del servizio postale non potrebbe essere rimpiazzato da un servizio online all’altezza, problema amplificato poi dal fatto che spesso chi si abbona ad un quotidiano cartaceo è una persona anziana, non pratica di tecnologie informatiche.
Si tratta, di certo, di un venir meno di democrazia e di libertà. Meno informazione significa minore libertà di apprendere, secondo diversi punti di vista, i fatti che accadono sia sul territorio sia a livello nazionale e nel mondo.
Senza considerare che con l’adozione di questo nuovo piano da parte di Poste, l’Italia rischierebbe una procedura d’infrazione da parte dell’Ue, come è già stato anticipato a Poste Italiane e all’Agcom in una lettera informale fatta recapitare nei primi giorni di giugno.

Le Poste dovrebbero fermarsi, ripensare al proprio piano di riorganizzazione e tenere conto delle comunità che si impoverirebbero.

Per quel che posso fare da qui, da Bruxelles, lavorerò perchè la Commissione Europea vigili su questa riorganizzazione ed intervenga in caso di violazione delle direttive comunitarie, come è ormai palese.

È il momento di decidere se mantenere in vita le voci del territorio e quelle che favoriscono il pluralismo e la democrazia. Tutto il resto, compresi i bilanci che non tornano, appare solo un’operazione contabile nella quale non si tiene conto del valore di una fitta trama di relazioni che i nostri giornali da oltre un secolo favoriscono e che non deve finire.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.