Verso una vera Unione Europea: serve più coraggio

14800284378_4772b9c08d_zCondivido l’appello del CESUE (Centro Studi, formazione e progettazione sull’ Unione Europea e la global governance), ed indirizzata ai Presidenti della Commissione Europea, del Parlamento Europeo, del Consiglio Europeo, della Banca Centrale europea e dell’Eurogruppo, tutte le maggiori istituzioni politiche ed economiche europee, perchè credo che sia il momento giusto per una svolta nella nostra Unione, che deve avere il coraggio di compiere scelte forti, per adattarsi ad un mondo e ad una società che cambiano.

Nella lettera, firmata da più di 200 accademici e personalità europee, si chiedono alcuni punti ed alcune novità nella politica europea.

Prima di tutto un’unione bancaria, economica e politica, soprattutto per quel che riguarda la fiscalità, che deve essere europea ed uniforme, per eliminare disuguaglianze fiscali e poter essere più competitivi sul piano internazionale. Ad oggi gli Stati membri hanno più vicoli di bilancio che in un sistema federale pienamente sviluppato, senza beneficiare di un bilancio e di politiche federali. Così l’Europa non riesce a superare la crisi. Il completamento delle unioni bancaria, fiscale, economica e politica è necessario per portare l’Unione verso una stabile e sostenibile prosperità economica e sociale.

Allo stesso modo nella lettera si chiede l’impegno per una politica di difesa che sia davvero comune; lo spostamento del focus strategico americano sul Pacifico ha creato un vuoto di potere che promuove instabilità tutto intorno all’Europa, dall’Est al Sud. L’Europa deve trasformarsi da consumatrice a produttrice di sicurezza. Solo gli Stati di dimensione continentale – come Usa, Cina, India, Russia e Brasile – contano nel mondo globale. L’UE deve procedere verso l’Unione politica, con un’unica politica estera, di sicurezza e di difesa finalizzate a stabilizzare i suoi confini e a fare fronte alle attuali minacce e sfide geopolitiche. L’inizio di una Cooperazione strutturata permanente sulla difesa è una questione di volontà politica e non di risorse, visto che i paesi “Euro-Plus” hanno la seconda spesa militare al mondo.

Il coraggio serve nei momenti difficili; da questa crisi economica e politica possiamo uscire più rafforzati ed uniti, dobbiamo decidere di prendere scelte chiare.

Qui trovate il testo della lettera:

http://www.cesue.eu/index.php?option=com_content&view=article&id=69:lettera-aperta&catid=2:uncategorised&Itemid=284&lang=it

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.