Incontro coi pescatori romagnoli: pesca e politiche europee

foto (1)Si è tenuto nel pomeriggio di sabato un importante incontro presso la sede della Cooperativa “Casa del Pescatore” di Cattolica che ha visto come protagonisti l’Eurodeputato PD Damiano Zoffoli e alcune delle figure più importanti della pesca in ambito nazionale e regionale come Giuseppe Prioli – biologo e presidente A.M.A. ( associazione nazionale acquacoltura) Sergio Caselli – Responsabile LegaPesca Emilia Romagna,Fabio Marcaccini- Presidente
Cogemo Pesaro e Stefano Cecchini direttore “Cooperativa Casa del Pescatore” di Cattolica.
Quasi 2 ore di confronto utili per mettere in evidenza le problematiche e le possibili soluzioni per un settore che da diversi anni sta vivendo momenti molto difficili ma che solo nel ramo delle pesca delle vongole in Adriatico rappresenta circa 650 imbarcazioni e 1300 addetti creando un indotto importante per centinaia di famiglie.

Il direttore della Casa del Pescatore di Cattolica Cecchini durante il suo intervento ha messo in evidenza come sia fondamentale intervenire immediatamente sulla questione del dragaggio nei porti; un’opera indispensabile
per garantire il lavoro a chi va in mare rimarcando come una delle priorità sia: “quella di rivedere la normativa del trattamento del materiale rimosso dai fondali nelle operazioni di dragaggio nei porti. Attualmente le procedure sono
molto onerose e complesse. Sarebbe opportuno favorire ed individuare soluzioni agevoli e con costi maggiormente sostenibili”.

Per quanto riguarda il tema della taglia minima delle vongole Fabio Marcaccini e Sergio Caselli hanno voluto sottolineare all’Eurodeputato Zoffoli come l’attuale regolamento europeo abbia veramente messo in ginocchio il settore: “Finalmente le autorità politiche istituzionali e scientifiche nazionale ed Europee hanno deciso di affrontare l’annoso problema della taglia minima. Anche nell’anno in corso l’attività dei Cogemo è praticamente ferma causa il mancato accrescimento delle vongole. L’iniziativa intrapresa ( Decreto omnibus) dal Mipaaf e sollecitata dal mondo produttivo e delle associazioni dovrebbe in tempi ristretti permettere di riprendere la raccolta delle vongole con una
taglia più ridotta quindi di riportare il settore delle draghe idrauliche in un regime produttivo di normalità.”

In ambito di regolamenti e controlli Giuseppe Prioli ha evidenziato come “l’ultima novità è l’accanimento dell’applicazione del Regolamento comunitario 2015/288. In sostanza chi commette infrazioni di una certa gravità
non potrà usufruire dei finanziamenti del FEAMP a copertura del fermo e di altri investimenti previsti dalla UE. Con soli 9 punti accumulati sulla licenza di pesca scatta un periodo di “inammissibilità’ di 12 mesi. In questo modo si
creano grosse difficoltà alle imprese che operano nel settore senza combattere la pesca illegale.”

Altro tema al centro del confronto e’ stato quello riguardante il rigasificatore di Porto Viro sul quale Sergio Caselli ha sottolineato come “sarebbe opportuno che il sistema industriale di tale impianto fosse a “ciclo
chiuso” in questo modo la fauna ittica sarebbe integra.
L’acqua che esce da tale impianto a fine ciclo industriale si dice e’ praticamente sterile dove ogni forma giovanile è uccisa. Il ministero dell’ambiente dovrebbe fare un monitoraggio per verificare e stimare la reale
entità’ del prodotto mancante, una stima che permetta di quantificare lo “sforzo di pesca” praticato dall’enorme ed invasivo impianto industriale. Le marinerie a sud di Porto Viro dopo l’avvio dell’impianto hanno registrato
importanti riduzioni quantitative del prodotto pescato. Le associazioni da tempo hanno richiesto controlli e verifiche per individuare la vera causa di tutto ciò.”

Sempre Caselli ha poi portato all’attenzione di Damiano Zoffoli Il tema delle trivellazioni in Adriatico mettendo in evidenza come “un programma di trivellazioni nell’Adriatico sarebbe una grande minaccia alla
qualità dell’ambiente marino. I residui di queste attività ed eventuali sversamento di petrolio sarebbero letali per il settore ittico e della molluschicoltura. Un rischio che deve essere assolutamente evitato.”

Molto soddisfatto dell’esito dell’incontro Zoffoli che ha voluto rimarcare durante il confronto come il settore della pesca sia una delle priorità della sua agenda di lavoro sottolineando come: “una delle prime interpellanze fatte alla commissione Europea è stata proprio per affrontare il tema della pesca delle vongole cercando di seguire le
indicazioni proveniente da chi vive quotidianamente le problematiche dettate dalle norme presenti nel regolamento europeo.
In una delle 2 interpellanze ho fatto presente come sia indispensabile rivedere il parametro minimo di pesca delle vongole cercando di passare dagli attuali 25mm ai 20mm.
Nel frattempo, per evitare che passino anni e che le condizioni rimangano queste, ho chiesto che venga concessa una fase sperimentale di deroga al regolamento per una tolleranza del 5% sul totale del pescato. I mari europei
non sono tutti uguali e non vanno trattati allo stesso modo.”

“Insieme alla Bolkenstein la questione della Pesca era uno dei temi su i quali avevo promesso che mi sarei attivato fin dalla campagna elettorale e ci stiamo lavorando. Nell’incontro di ieri come quello di due settimane fa a Bellaria con
gli operatori del settore balneare ho voluto rimarcare la volontà di lavorare al loro fianco per portare a Bruxelles le loro istanze con l’obbiettivo di fare in modo che vengano accolte e recepite. L’interrogazione sul tema delle vongole
va proprio in questa direzione”

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.