Maltempo 2014: stanziati dall’Europa 11 milioni per l’Emilia Romagna

alluvione-lavori-arginesecchiaApprovato nella Sessione Plenaria di Strasburgo, lo stanziamento del fondo di solidarietà europeo per i danni provocati dal maltempo di ottobre-novembre del 2014: per l’Italia la cifra stanziata ammonta a 56 milioni di euro.

Di questi, 11 milioni rientrano nella parte assegnata all’Emilia Romagna e  sono interessate prevalentemente le province dell’Emilia, soprattutto Piacenza e Parma (che ha subito i danni maggiori con l’esondazione del Baganza), la fascia collinare di Reggio Emilia e tutti i comuni rivieraschi del Po, che hanno subito danni a golene e argini.

“Un ottimo risultato – afferma l’On. Damiano Zoffoli – che non era scontato e che, in questi tempi di difficoltà per l’idea di Europa, dimostra come la solidarietà tra stati sia ancora importantissima. Ora è fondamentale che queste risorse vengano utilizzate nei termini previsti, in modo da poterle sfruttare al 100%, ma sono sicuro che, come è già stato fatto per i fondi stanziati per il terremoto la Giunta Regionale saprà utilizzarli presto e bene.”

I fondi sono un concorso finanziario previsto dal Regolamento del Fondo di solidarietà europeo per gli interventi legati all’assistenza alla popolazione, al ripristino delle infrastrutture e degli impianti di pubblica utilità, della messa in sicurezza delle infrastrutture a protezione del patrimonio culturale e della ripulitura delle zone danneggiate.

Il contributo del Fondo di solidarietà nasce da una richiesta che le Regioni hanno inviato a Bruxelles alla fine del 2014 tramite il coordinamento del Dipartimento nazionale della protezione civile per ottenere un sostegno a fronte del pesante bilancio dei danni del maltempo.

Si tratta dello stesso Fondo che l’Unione europea attivò per aiutare l’Emilia-Romagna ad affrontare gli interventi di emergenza e di assistenza alla popolazione in occasione del sisma del 2012. Fu la prima volta che la Ue intervenne con una cifra tanto consistente: 563 milioni. Era l’estate del 2013 e nel dicembre dello stesso anno i fondi erano già stati utilizzati e rendicontati al 100%.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.