TTIP: un po’ di chiarezza

dreamstime_m_23953558-612x336Approvata oggi in plenaria la “Risoluzione Lange”; una risoluzione che ha lo scopo di esprimere l’opinione del Parlamento Europeo sul trattato con gli Stati Uniti d’America sugli scambi commerciali tra i continenti. Qui alcune considerazioni, soprattutto per evitare che vengano diffuse informazioni che non corrispondono alla verità.

La risoluzione sul TTIP contiene le raccomandazioni del Parlamento europeo nei confronti della Commissione europea sul Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti (TTIP). La risoluzione non è un “sì o no” sul TTIP: delinea le condizioni poste dal Parlamento europeo per un buon accordo. La decisione di sostenere o meno l’accordo verrà presa più avanti nel tempo e ci si baserà sul testo del trattato quando verrà concluso.

Nella risoluzione vengono evidenziati alcuni punti, che sono prioritari per il gruppo S&D.

1.Nessun abbassamento delle norme UE e la non elusione dei processi legislativi democratici

La risoluzione in più punti indica la volontà di non abbassare i nostri standard per quanto riguarda l’ambiente, gli standard sociali, il benessere degli animali e la diversità culturale. In particolare nel paragrafo riguardante la cooperazione normativa, è stato esplicitato che i nostri standard non sono negoziabili a meno che l’obiettivo non sia di raggiungere un livello più alto di precauzioni. Si precisa che la cooperazione nella sezione riguardante la regolamentazione dovrebbe rispettare pienamente l’autonomia normativa dell’UE e il corpo cooperazione normativa non sarà mai in grado di adottare leggi che diventeranno vincolanti per i responsabili europei. Abbiamo anche chiarito che la cooperazione normativa non influenzerà gli standard che devono ancora essere imposti per esempio nel settore delle sostanze chimiche (REACH) e la clonazione.

La risoluzione include anche un paragrafo per chiedere il pieno rispetto della Convenzione dell’UNESCO sulla protezione e la promozione della diversità culturale e gli articoli trattati dell’UE. Nessun elemento dell’accordo dovrebbe pregiudicare la capacità dell’UE o degli Stati membri dell’UE a fornire un sostegno finanziario per le industrie culturali, servizi culturali, educativi e audiovisivi.

2.Protezione dei dati e diritti umani

La risoluzione precisa che la riservatezza e la privacy non dovranno essere compromesse dalla liberalizzazione dei flussi di dati e che il TTIP dovrà includere una clausola specifica riguardo alla protezione dei dati personali. La risoluzione chiede inoltre una clausola giuridicamente vincolante ed una condizionalità riguardo al rispetto dei diritti umani all’interno del TTIP, così come presente in tutti i nuovi accordi commerciali stipulati dall’UE.

3.Regolamento dei mercati finanziari

La risoluzione contiene un paragrafo specifico che ribadisce che la cooperazione regolamentare nel settore dei servizi finanziari deve contribuire al raggiungimento dell’obiettivo di regolamentare il settore secondo i migliori standard di trasparenza e protezione dei risparmiatori e per sostenere gli altri impegni internazionali presi in materia di regolamentazione dei mercati finanziari.

4.Diritti dei lavoratori

La risoluzione chiede la ratifica ed un’efficace attuazione di tutte le norme fondamentali del lavoro dell’ILO (Organizzazione internazionale del lavoro) e che i diritti dei lavoratori siano integrati nell’accordo. Lavoro e standard ambientali dovrebbero essere oggetto di una clausola di risoluzione delle controversie vincolante (come in qualsiasi accordo commerciale) e devono essere monitorati dalla società civile e dalle organizzazioni sindacali.
Le condizioni che abbiamo posto serviranno a preparare il terreno per la parte riguardante sviluppo sostenibile più ambizioso e avanzato in qualsiasi altro accordo commerciale stipulato dall’UE.

5.Trasparenza dei negoziati

La risoluzione invita la Commissione ad attuare le raccomandazioni del difensore civico in materia di trasparenza, per aumentare quest’ultima per il grande pubblico e per dare a tutti i membri del Parlamento Europeo la possibilità dell’accesso ai testi.

6.Servizi e servizi pubblici

La risoluzione chiede di procedere con prudenza nella liberalizzazione del mercato dei servizi, attraverso delle liste positive. Questo significa che soltanto i mercati relativi ai servizi che sono esplicitamente elencati saranno aperti alle imprese statunitensi.

La risoluzione chiede anche la piena esclusione dei servizi che, attualmente o in futuro, sono considerati di interesse generale (ad esempio acqua, sanità, istruzione), così come servizi di interesse economico generale, indipendentemente dal fatto che siano finanziati privatamente o dal settore pubblico. Le clausole nel capitolo servizi dovrebbero consentire una flessibilità sufficiente da poter eventualmente rendere pubblici i servizi di interesse generale già precedentemente privatizzati.

7.Investimenti e ISDS (meccanismo per la risoluzione di controversie tra stato e investitore straniero)

Abbiamo chiesto alla Commissione di affrontare le questioni degli obblighi e delle responsabilità degli investitori. I riferimenti per questi obblighi dovrebbero essere le convenzioni internazionali, i principi dell’OCSE per le imprese multinazionali e ai principi delle Nazioni Unite sulle imprese ed i diritti umani.
Inoltre, gli investitori esteri e quelli nazionali devono essere trattati allo stesso modo e gli investitori stranieri non dovranno beneficiare di alcun diritto in più rispetto agli investitori nazionali.
Se sarà adottato il nuovo compromesso di cui abbiamo ampiamente parlato la scorsa settimana al gruppo S&D, il sistema ISDS dovrebbe essere sostituito da un nuovo sistema di risoluzione delle controversie tra investitori e stati, che è soggetta a principi democratici e al controllo in cui i potenziali casi verranno trattati in modo trasparente da funzionari pubblici, giudici professionali indipendenti in audizioni pubbliche e sarà incluso anche un meccanismo di appello, dove è garantita la coerenza delle decisioni giudiziarie, dove la giurisdizione dei tribunali dell’UE e degli Stati membri devono essere rispettate e dove gli interessi privati non possono minare gli obiettivi di politica pubblica

Questo compromesso eliminerebbe efficacemente i tribunali segreti che abbiamo sempre criticato. Si metterebbe fine al coinvolgimento di avvocati aziendali che decidono l’esito di una controversia tra Stati e investitori. Non ci saranno più accordi segreti e le somme non dichiarate di compensi corrisposti alle società. Questo compromesso determina la fine dell’ISDS negli accordi commerciali dell’UE.

Qui trovate il testo integrale della Risoluzione Lange: Risoluzione Lange

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.