20 anni fa la strage di Srebrenica: per non dimenticare

Srebreniza-bigApprovata oggi al Parlamento Europeo una risoluzione comune per ricordare i 20 anni dal genocidio di Srebrenica, in Bosnia.

La cosiddetta zona protetta di Srebrenica fu delimitata dopo un’offensiva serba del 1993 che obbligò le forze bosniache ad una demilitarizzazione sotto controllo dell’ONU. Le delimitazioni delle zone protette furono stabilite a tutela e difesa della popolazione civile bosniaca, quasi completamente musulmana, costretta a fuggire dal circostante territorio, ormai occupato dall’esercito serbo-bosniaco, ed ove decine di migliaia di profughi vi si recarono in cerca di rifugio.

All’inizio di luglio del 1995, la zona protetta di Srebrenica e il territorio circostante furono attaccati dalle truppe serbe, e dopo un’offensiva durata alcuni giorni, l’11 luglio l’esercito serbo-bosniaco riuscì ad entrare definitivamente nella città di Srebrenica. Gli uomini dai 12 ai 77 anni furono separati dalle donne, dai bambini e dagli anziani, apparentemente per procedere allo sfollamento, in realtà vennero uccisi e sepolti in fosse comuni.

Secondo le istituzioni ufficiali i morti furono oltre 8.372, sebbene alcune associazioni per gli scomparsi e le famiglie delle vittime affermino che furono oltre 10.000. Grazie al test del DNA, sono state identificate 6.414 vittime, mentre migliaia di altre salme esumate dalle fosse comuni attendono ancora di essere identificate.

Fino ad oggi 6.414 salme riesumate dalle fosse comuni sono state identificate mediante oggetti personali rinvenuti oppure in base al loro DNA che è stato confrontato con quello dei consanguinei superstiti.

La tragedia di Srebrenica è una ferita ancora aperta per l’Europa, prima di tutto perchè si è svolta nei balcani, nel cuore dell’Europa, e in secondo luogo perchè è avvenuta sotto gli occhi delle truppe dell’ONU, che avevano il compito di vigilare e di proteggere la popolazione bosniaca.

Proprio per questo nella risoluzione il Parlamento Europeo si impegna a condannare fermamente quello che è successo, ma soprattutto si impegna a vigilare perchè simili episodi non succedano mai più.

Purtroppo l’odio verso il diverso, l’intolleranza etnica e politica che hanno portato a tragedie come quella di Srebrenica sono ancora presenti tra di noi, anche oggi.

Proprio per questo dobbiamo vigilare sempre, per far sì che simili tragedie rimangano solo un brutto ricordo e non una triste realtà.

Qui il testo della risoluzione: Risoluzione Srebrenica

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.