Europa ed Emilia Romagna: verso un’economia circolare

5693012875_1aaf45b709_bLo scorso 9 luglio il Parlamento Europeo ha approvato una relazione strategica dal titolo “Efficienza delle risorse: transizione verso un’economia circolare”

La relazione esorta la Commissione Europea a presentare – come ha annunciato – un’ambiziosa proposta entro la fine del 2015 che contenga obiettivi vincolanti, a livello UE e nazionale, per aumentare l’efficienza delle risorse del 30% entro il 2030 rispetto al 2014, nonché a introdurre una serie di indicatori per misurare vari aspetti del consumo di risorse.

Quanto all’attesa proposta legislativa in materia di rifiuti, la relazione raccomanda, tra l’altro, di imporre un divieto di incenerimento dei rifiuti riciclabili e biodegradabili entro il 2020, di applicare gradualmente, entro il 2030, un divieto di smaltimento in discarica (ad eccezione di alcuni rifiuti pericolosi e rifiuti residui) e di aumentare gli obiettivi di riciclaggio e preparazione per il riutilizzo ad almeno il 70% dei rifiuti solidi urbani e all’80% dei rifiuti di imballaggio entro il 2030. La relazione chiede altresì una revisione della legislazione riguardante la progettazione ecocompatibile e della pertinente legislazione in materia di politica dei prodotti al fine di introdurre progressivamente requisiti di efficienza energetica obbligatori, così come misure volte a promuovere lo sviluppo di mercati per le materie prime secondarie, procedure verdi obbligatorie in materia di appalti pubblici e la mobilitazione di fondi UE per l’efficienza delle risorse.

Una relazione che accompagna a livello europeo, un progetto di legge sullo stesso argomento presentato alcuni giorni fa in Regione Emilia Romagna, che punta a raggiungere nella nostra Regione, entro 5 anni, una raccolta differenziata al 73%, una riduzione del 25% della produzione pro-capite dei rifiuti urbani, un 70% di rifiuti al riciclaggio e un conseguente contenimento delle discariche.

“A differenza del tradizionale modello economico lineare basato sulla dinamica “prendi-produci-usa-getta”, – dichiara l’On. Damiano Zoffoli – l’economia circolare è fondata sul riutilizzo, la riparazione, il ricondizionamento e il riciclaggio, in un circuito quasi del tutto chiuso nel quale i prodotti e i materiali in essi contenuti assumono grande valore. La transizione verso un’economia circolare risponde a una logica tanto ambientale quanto economica. Potrebbe infatti allentare le pressioni sull’ambiente, con ricadute positivi sugli ecosistemi, la biodiversità e la salute umana e potrebbe altresì aumentare la sicurezza dell’approvvigionamento energetico, dato che l’UE importa attualmente, in equivalente materie prime, circa la metà delle risorse che consuma. Inoltre, le imprese avrebbero la possibilità di realizzare importanti risparmi sulle spese per i materiali e si potrebbero creare 2 milioni di nuovi posti di lavoro entro il 2030, secondo le stime della Commissione europea.”

 

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.