Macroregione Adriatico-Ionica, positivo il voto in Commissione Ambiente

4441144971_bb14dc417e_zIeri in Commissione Ambiente si sono votate le linee guida per la Macroregione Adriatico-Ionica, un progetto ambizioso, che punta allo sviluppo dei territori che si affacciano sul mar Mediterraneo e sul Mar Ionio, con l’obiettivo di operare a livello europeo per la crescita e lo sviluppo dei paesi che si affacciano su questi due mari.

Mi sono impegnato soprattutto per inserire due emendamenti importanti, quello sull’erosione delle coste e quello sulla subsidenza; due argomenti che ritengo importantissimi e che hanno bisogno di attenzione e interesse.

Secondo lo studio Eurision realizzato oltre 15 anni fa, il fenomeno dell’erosione interessa il 20% dell’intera fascia costiera del continente e corrisponde a più di ventimila chilometri di arenile. In particolare la costa adriatica è un ambiente vulnerabile che risente fortemente delle dinamiche meteomarine e della subsidenza, che causano erosione delle spiagge e inondazioni marine. L’erosione delle coste provoca, in maniera sempre crescente, danni rilevanti dal punto di vista ambientale ed economico, con la distruzione di infrastrutture e la diminuzione dell’ampiezza delle spiagge quantificato in perdite economiche di svariati milioni di euro solo per la costiera romagnola.

Proprio per questo ho lavorato coi colleghi per inserire all’interno del progetto della strategia per la macroregione adriatico-ionica un’attenzione particolare su queste criticità; è indispensabile produrre un aggiornamento sullo stato del fenomeno erosivo e del rischio di ingressione marina lungo le coste adriatiche e individuare azioni di contrasto all’erosione anche promuovendo finanziariamente l’uso sostenibile della risorsa strategica costituita dai depositi sedimentari costieri e sottomarini del mediterraneo e dell’adriatico, garantendo i ripascimenti degli arenili e dell’ecosistema costiero.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.