Due giorni in Veneto: incontri e confronti

Di ritorno da due giorni in Veneto, un piccolo resoconto degli incontri, dei suggerimenti, di quello che ho visto; un riassunto che è anche un impegno a continuare sulla strada del confronto con tutte le realtà del territorio, per conoscere e rappresentare meglio tutto il collegio nord-est.

 Tavolo della veterinaria veneta

20150721071455Spesso in Italia ci si rende conto delle conseguenze delle scelte fatte a livello europeo solo molti anni dopo la loro approvazione. Spesso non c’è una vera consapevolezza del sistema decisionale dell’Unione Europea.
Proprio per questo ho incontrato due gruppi di veterinari per confrontarmi con loro in merito ai dossier che li riguardano che stiamo discutendo in questi mesi nella commissione Ambiente al Parlamento Europeo. Il confronto è stato davvero utile e desidero ringraziare sia i componenti del Tavolo della veterinaria incontrati ad Agripolis, presso Legnaro (PD), che i veterinari di animali da reddito incontrati a Thiene (VI).
Ho ritenuto doveroso, in particolare, coinvolgerli in merito alla proposta di Regolamento della Commissione Europea sui medicinali veterinari. Questa proposta ha tre aspetti problematici che sono stati evidenziati con chiarezza e che seguirò con particolare attenzione: la possibilità di detenere scorte, il sistema di cessione del farmaco e il problema della “cascata” nella scelta dei farmaci da utilizzare.
Il mio impegno è quello di costruire un dialogo strutturato con la rete della veterinaria su tutti i temi che hanno a che fare con loro, dal benessere animale alla sicurezza alimentare. Gli incontri di martedì in Veneto sono stati un ottimo punto di partenza.

Amministratori locali di centrosinistra e i coordinatori di circolo del Pd del thienese

AjBDipiyRlUlOdEeIMO14ETefHx5d_apHszB2UDVnIAm
L’Alto vicentino è uno dei territori più industrializzati d’Europa e, per questo, un’area di fondamentale importanza sia per la tutela dell’ambiente che per comprendere al meglio il modello di sviluppo di cui ha bisogno tutto il Paese.
Per questo ho iniziato dal thienese (una delle due parti dell’alto-vicentino), il mio percorso di incontri con gli amministratori locali di centro-sinistra e i coordinatori di circolo democratici nel Veneto. La mia volontà è quella di mettermi a disposizione concretamente, esattamente come quando sono stato Sindaco e consigliere regionale.
All’incontro erano presenti i Sindaci di Sarcedo Luca Cortese, di Zugliano Sandro Maculan, di Chiuppano Giuseppe Panozzo, l’Assessore all’Ambiente di Thiene Andrea Zorzan, diversi consiglieri comunali e coordinatori di Circolo dei 12 comuni della zona.
I temi che sono sorti durante il confronto sono molti e tutti importanti.
In primo luogo diverse sono state le sollecitazioni su tematiche ambientali, tra cui l’importante vicenda della discarica Corsea su cui ho già presentato un’interrogazione al Parlamento Europeo.
Allo stesso tempo sono state molte le riflessioni sulla situazione finanziaria dei Comuni, tanto a riguardo del patto di stabilità quanto in merito alle modalità per riuscire ad ottenere i fondi comunitari a gestione diretta. A questo proposito ho sottolineato l’importanza per i Comuni di sapersi mettere insieme per riuscire a raggiungere quella massa critica necessaria per contare a livello europeo.
Infine è stata sottolineata la necessità di avere un punto di riferimento a livello europeo che sia costante nel tempo e presente in merito alle diverse tematiche. Ho sottolineato come il mio impegno la mia disponibilità a rappresentare le necessità di questo territorio saranno costanti nel corso dei prossimi 4 anni.

Pescatori

20150723092343
Mercoledì mattina ho incontrato a Chioggia i consorzi di autogestione del Friuli Venezia Giulia, dell’Emilia Romagna e del Veneto e i rappresentanti delle associazioni di categoria. L’incontro è stato particolarmente utile perchè mi ha permesso di capire nel dettaglio la situazione della pesca in tutto l’Alto Adriatico, tanto dal punto di vista dei modelli organizzativi quanto, soprattutto, dei problemi e delle necessità.
Il punto di partenza del ragionamento è stato che la normativa europea conta ormai per il 70-80% dell’intera normativa nel settore ittico. E’ evidente, quindi, che le associazione del settore abbiano bisogno di una rappresentanza costante a livello comunitario.
Allo stesso tempo è stata evidenziata una crisi del settore che perdura da molto tempo: troppa burocrazia, multe eccessive e alcune scelte miopi sono state la causa di una riduzione del numero di imprese e di occupati superiore al 30%.
L’impegno, anche in questo caso, è quello di attivarsi per riuscire a ridurre il peso di scelte sbagliate.
Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.