Per tutelare le nostre imprese

Immagine

Alcuni giorni fa sul Resto del Carlino è uscito un articolo che analizza alcune problematiche che stiamo affrontando a Bruxelles, compresa quella dei dazi antidumping per le piastrelle importate dalla Cina, per la quale l’On. Zoffoli ha presentato un’interrogazione alla Commissione.

Trovate qui l’articolo e di seguito il testo: L’ultimo allarme dall’Europa

L’ultimo allarme dall’Europa: «Invasi dalla ceramica cinese»

Di Rita Bartolomei

SI APRE un nuovo fronte nella guerra di nervi con la Ue. Stavolta c’è di mezzo una leadership mondiale, quella della ceramica, che porta dritto al distretto di Sassuolo, nel Modenese. A insidiarla non solo la crisi, recuperata, almeno nell’export. Tra poco più di un anno, a settembre 2016, scadono i dazi antidumping che da quattro anni ci tutelano dall’invasione cinese.
Misura efficace, fin qui. Ma sul futuro grava l’incertezza. In un Paese già duramente messo alla prova dalle direttive della Ue. Che ormai condizionano tutto, dalla taglia delle vongole al formaggio senza latte al cioccolato senza cacao per finire con gli stabilimenti balneari, sui quali pende la direttiva Bolkestein.

AD OGGI nessuna risposta ancora dalla Commissione europea all’interrogazione presentata da tre eurodeputati
del Pd, primo firmatario Damiano Zoffoli, ultimo arrivato a Bruxelles. Per ottenere la proroga dei dazi sulle ceramiche si deve passare un doppio esame. La Ue avvia la verifica e arriva – se caso – alla procedura d’infrazione; il Wto ha l’ultima parola.
In attesa di sapere come si pronuncerà l’Europa, a Sassuolo fanno un po’ di conti.

 

Perché dall’Emilia Romagna passa il 90% della produzione di ceramica italiana, vuol dire un fatturato di 4 miliardi e mezzo.
L’unica direttiva europea che qui (e non solo) aspettano a braccia aperte per tutelare questa leadership non arriva. Vale per le piastrelle e per il cibo, è il famoso ‘made in’, che imponga per legge anche nei Paesi dell’Unione di indicare l’origine del prodotto. Così da queste parti, tipi svegli, i piastrellisti si
sono inventati un marchio provvisorio, «ceramic of Italy», che però non ha forza di legge. Il ragionamento
è: puntiamo sulla trasparenza, il consumatore deve sapere dove si fa cosa. Per questo nel 2011 si avviò la procedura antidumping, si voleva colpire chi vendeva all’estero con prezzi più bassi di quelli praticati in patria per sbaragliare la concorrenza. Dopo le verifiche, si arrivò ad applicare dazi del 30% a chi collaborava, del 70% agli altri.
Risultato: le importazioni di piastrelle cinesi in Europa crollarono, da 65 milioni di metri quadri a 23
milioni. «Riequilibrio, non chiusura del mercato», insistono a Sassuolo. Zoffoli è moderatamente ottimista.
Lui, romagnolo, ha già dovuto digerire la piadina industriale Igp e le vongole a taglia minima. «Stavolta ci siamo mossi per tempo», fa notare.
In effetti, gli italiani sembrare scoprire le direttive Ue quando sono già legge.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.