Dall’emozione all’azione. Senza l’Europa Unita affoghiamo tutti.

Ventimiglia

Ventimiglia. Foto di Ivano Di Maria, ivanodimaria.com

In questi giorni siamo bombardati di notizie sull’ emergenza profughi. La marcia dei disperati verso la frontiera austriaca in Ungheria, l’atteggiamento antiumanitario e antieuropeo del governo ungherese, l’improvvisa apertura di Angela Merkel, l’allarme del Pentagono sul futuro dell’UE e, infine, il drammatico monito del nostro presidente Mattarella. Sullo sfondo la fotografia del piccolo Aylan, per il quale è forse inutile sprecare altre parole, ma che ci dice con cruda evidenza fino a che punto si è ormai spinta una situazione socialmente, politicamente, umanamente insostenibile.

È normale essere frastornati davanti a un dramma di queste proporzioni, ma è anche importante mantenere un approccio obiettivo e inquadrare gli avvenimenti nella loro giusta prospettiva. Martin Dempsey, il capo dello stato maggiore USA, ha ragione: quella dell’immigrazione è una crisi di lungo periodo per l’Europa. E ha ragione la Merkel quando preme perché si superino le regole di Dublino e si adotti il sistema delle quote obbligatorie, già proposto qualche mese fa dalla Commissione Juncker.

Anche questo però non è sufficiente. La risposta alla pressione migratoria non può essere la costruzione di muri materiali e politici, ma neppure un semplicistico abbattimento delle frontiere europee. Se è vero che l’immigrazione è un fenomeno con cui bisogna fare i conti, e che questa massa di disperati non può essere abbandonata al proprio destino nell’indifferenza generale, è anche vero che l’immigrazione dev’essere sostenibile. La soluzione del problema non è nel travaso di interi popoli dall’Asia e dall’Africa all’interno dell’UE. L’unica soluzione possibile risiede nella capacità che l’Europa saprà dimostrare di mettere in piedi una politica estera efficace nei confronti di quei contesti che creano e favoriscono il fenomeno.

Stabilizzare il Medio Oriente e il Nord Africa rimane la vera priorità per un’agenda che non può essere nazionale ma soltanto europea. Le parole magiche sono “diplomazia” e “cooperazione internazionale”, ma sono parole che solo un’Europa unita potrà pronunciare in modo credibile. Per questo è indispensabile che il processo di integrazione proceda spedito verso una politica estera e una difesa uniche per gli stati europei disposti a federarsi. Si tratta di una sfida enorme, perché impegnerebbe l’Europa ad affrontare la minaccia dell’ISIS, il sottosviluppo decennale degli africani, tutti i focolai di guerre che tormentano due continenti e il nodo sempre irrisolto della Palestina. Ma, se non mi sbaglio, quello che i giornali e le televisioni ci stanno raccontando in queste ore è che ci resta poco tempo. Perciò
: anche noi europei, come i siriani sulla strada per Vienna, abbiamo un obiettivo da raggiungere.

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Dall’emozione all’azione. Senza l’Europa Unita affoghiamo tutti.