Come sta l’Europa?

JunckerUn discorso impegnativo quello del presidente della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker di stamattina in plenaria a Strasburgo. Un discorso che aveva l’obiettivo di fare un resoconto sullo stato dell’Unione Europea e che, visti gli sviluppi di queste ultime settimane, è stato caratterizzato soprattutto dal tema dell’immigrazione.

Juncker ha fatto appello all’umanità dell’Europa, ricordando come, anche solo qualche decennio fa, erano gli Europei a dover scappare da guerre e povertà; un’Europa che quindi deve essere, tutta insieme, solidale, e non può oggi restare indifferente davanti alle decine di migliaia di persone che cercano nel nostro continente un approdo sicuro.

Serve un meccanismo obbligatorio e permanente che ci consenta di affrontare gli arrivi, valuti chi ha diritto a rimanere, organizzi i rimpatri; L’accoglienza ai migranti deve essere regolata e strutturale nella  politiche sociali dell’Unione

Un discorso concreto, quello di Juncker, che ha anche ribadito come: “l’Europa non è quella che costruisce muri o brucia i campi profughi, l’Europa è il panettiere di Kos che offre gratis il pane a chi arriva via mare, è la gente di Monaco che applaude all’arrivo dei treni di migranti, questa è l’Europa, questo é ciò che siamo.”

Un intervento che poi ha toccato altri temi, come quello della lotta ai cambiamenti climatici. Un problema sul quale l’Europa può e deve fare di più; per il nostro pianeta e per evitare che altre centinaia di migliaia di persone debbano, nei prossimi anni, abbandonare le proprie case.

Si è poi parlato di TTIP, di accordi commerciali con gli USA; un testo sul quale la Commissione Europea è d’accordo ma sul quale bisogna vigilare: non dobbiamo e non possiamo snaturare la qualità dei nostri prodotti, ma dobbiamo riuscire a negoziare un buon compromesso.

Trovate di seguito un resoconto scritto, più articolato,  dei progressi fatti fino ad oggi nelle 10 priorità per l’Unione indicate ad inizio legislatura dallo stesso Presidente e per le quali dobbiamo continuare a lavorare.

Lettera Juncker

10 priorità Commissione

 

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.