Area Vasta Romagna: dalle parole ai fatti.

Area vasta

Festa PD Ravenna, incontro su Area Vasta Romagnola

“Ci sono tutte le condizioni perchè la Romagna possa avere un peso in Europa, riuscendo ad intercettare fondi comunitari utili per la realizzazione di progetti, ma perchè questo avvenga, il territorio romagnolo deve lavorare  su proposte strutturate in maniera coesa e sinergica. Grazie al Piano Juncker che prevede l’istituzione di un fondo da 315 miliardi di euro per il rilancio della crescita economica,  per la prima volta l’Europa non punta soltanto all’austerità e al rigore dei conti ma ha l’opportunità di vedere realizzati progetti per mezzo di questi finanziamenti. L’Emilia Romagna si è mostrata fino ad ora in grado di cogliere a pieno questa occasione, intercettando nella maggior misura possibile le risorse a lei destinate.

Con la chiusura delle Provincie e la nascita dell’Area Vasta Romagna è fondamentale provare a scommettere insieme elaborando  progetti di scala romagnola”, dichiara l’Europarlamentare Damiano Zoffoli, in accordo con il deputato Marco Di Maio, entrambi presenti sabato scorso con l’Assessore Regionale Emma Petitti, il Consigliere Regionale Manuela Rontini e il Segretario Provinciale PD di Ravenna Michele De Pascale al convegno “Area Vasta Romagna: la sfida delle riforme” nell’ambito della Festa dell’Unità di Ravenna. “Per quanto mi riguarda cercherò di sostenere in sede comunitaria le istanze che verranno presentate dal territorio romagnolo, lavorando a stretto contatto con Governo, Regione e Amministrazioni locali”.

L’Europarlamentare PD considera le prossime elezioni amministrative un importante banco di prova in questo senso: “Fra pochi mesi, strategici comuni della Romagna come Ravenna, Rimini, Cesenatico e Cattolica andranno al voto, un momento in cui chi si candiderà dovrà chiedere ai cittadini la fiducia sulla base di un programma elettorale. Questa diventa perciò un’occasione importante per mettere in campo un vero progetto di Romagna integrata che guardi all’Europa” – continua Zoffoli – “il territorio romagnolo e i suoi amministratori hanno già dato dimostrazione di essere in grado di elaborare e realizzare progetti condivisi che hanno avuto dei risultati importanti che si sono tradotti in benefici concreti a favore dei cittadini. Esempi di ciò sono ravvisabili nel sistema “Romagna Acque” o nel progetto di Asl unica della Romagna. Se alcune delle sfide vinte fino ad ora in territorio romagnolo hanno riguardato temi come la gestione delle acque pubbliche o la riorganizzazione del sistema sanitario, quelle per il futuro dovranno mettere al centro temi altrettanto importanti come i trasporti e il turismo”.

Avanti, quindi, con un progetto strutturato che punti a potenziare la mobilità su rotaia che colleghi il tratto che va da Ravenna a Cattolica, un’operazione che porterà un duplice beneficio, da una parte a cittadini e pendolari che quotidianamente utilizzano il mezzo pubblico per motivi di lavoro o studio, dall’altra a tutti quei turisti che non si limitano a vivere una vacanza a base di “spiaggia e ombrellone”, ma che desiderano scoprire il territorio e le sue bellezze. Questo intervento è fondamentale per sostenere una nuova visione del turismo che punti a  progetti turistici che promuovano sempre di più la destinazione, con l’obiettivo di mettere al centro le eccellenze che caratterizzano il territorio. Un modello virtuoso di questa filosofia è rappresentato sicuramente dalla Wellness Valley, una realtà che vuole fare della Romagna un vero e proprio distretto internazionale del benessere e della qualità della vita.

Enormi sono le potenzialità per il territorio legato a questo progetto  quindi  ora più che mai si dovrà lavorare tutti insieme dandogli corpo e gambe anche in campo Europeo.
“Solo lavorando in questa direzione ci si troverà pronti  a cogliere le grandi opportunità presenti nella proposta della nuova legge Regionale n. 7 che andrà a modificare dopo 17 anni l’assetto normativo che disciplina l’organizzazione turistica della Regione Emilia Romagna” – conclude Zoffoli.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.