Contro il bullismo

8186440622_8f99bfa113_zIn questi giorni in cui i ragazzi e le ragazze di tutta Europa hanno ricominciato o stanno ricominciando ad andare a scuola, uno dei temi di cui non dobbiamo dimenticarci è quello del bullismo. Un fenomeno che coinvolge tanti bambini e ragazzi, che sono vittime di violenze fisiche ma ancora più spesso mentali  che difficilmente riescono a denunciare.

Una violenza che è anche il risultato di una cultura che esalta la prepotenza, la violenza, la sopraffazione e le rende normali agli occhi di tanti giovani, che si sentono poi il diritto di esercitarla su quelli più deboli.

Proprio per questo ho firmato con convinzione una dichiarazione scritta che chiede al Consiglio Europeo e alla Commissione di spingere i paesi membri della UE ad aumentare le risorse destinate alla lotta al bullismo e alla violenza scolastica, mettendola come una delle priorità nei programmi di educazione per le nuove generazioni. Paesi Europei che poi sono invitati a cooperare per scambiarsi informazioni e buone pratiche.

Si chiede poi che venga dato il giusto supporto alle vittime, che non possono essere lasciate sole.

Lavoreremo, anche nell’ intergruppo parlamentare sui bambini, di cui faccio parte, perchè l’Europa investa sempre più nel combattere quello che ormai è diventato uno dei problemi più gravi delle nostre scuole.

Qui il testo della Written Declaration (in inglese): WD against bullying and school violence

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.