Diario di una mattina a Trento, parlando di Europa.

Cronaca di una bella mattinata a Trento, per riflettere su “Sfide dell’Europa nel Mediterraneo e politiche di accoglienza”, nell’ambito dell’edizione 2015 de “L’Europa riparte da te”, organizzata da Elisa Filippi e i ragazzi di “Trentino Europa”.

Ecco qui alcuni appunti degli interventi:

11986501_10207248808366209_2016409090177105669_n

Damiano Zoffoli:

“In questi anni stata c’è stata una carenza di politica, mentre la crisi che viviamo è tutta politica: la ricchezza, il lavoro e la produzione hanno divorziato: abbiamo immaginato che ci si potesse arricchire molto, in poche settimane, senza sudare e faticare. La finanza ha prevalso sulla politica e quando manca la politica, prevalgono gli egoismi.

E ancora, l’idea del “fai da te” e dell’“usa e getta”, del consumo sfrenato senza regole: la uso finché mi serve, poi la butto. Un’idea che abbiamo applicato non solo alle cose, ma anche alle persone. La conseguenza è che siamo arrivati al “si salvi chi può”. Non ci fidiamo più tra di noi, gli uni degli altri. Abbiamo pensato che, di fronte al tema di milioni di persone che fuggono dalla guerra e dalle dittature, di fronte a queste persone disperate, ognuno potesse “salvarsi” da solo.

E invece no. Serve un “di più” di politica, serve la politica per risolvere le complessità, per rigenerare ragioni di speranza nel futuro. Spesso invece, di fronte alle complessità, l’Europa ha creato delle complicazioni. Unità nella diversità, questa deve essere l’Europa, che non può permettersi di produrre complicazioni e disuguaglianze,

Per fare un’Europa politica servono idee forti e uomini liberi, come quando nacque l’Europa.

Se non si marcia nella direzione degli Stati Uniti d’Europa che oggi, davanti a questa crisi, può sembrare una provocazione, affoghiamo tutti.

L’Europa sta lentamente reagendo, anche grazie al semestre di presidenza italiano (Renzi ha il merito di aver immesso nel lessico europeo alcune parole: crescita, sviluppo, investimenti, riforme strutturali), con il Piano Juncker e il Rapporto dei 5 Presidenti, ma non possiamo aspettare il 2020/2025 per vedere i primi risultati, anche perchè c’è un tema di velocità: i profughi arrivano e continueranno ad arrivare, dobbiamo fare presto.

Se, in una situazione come questa, dove è in corso la Terza guerra mondiale frammentata, come dice a ragione Papa Francesco, l’Europa non fa l’Europa, se non decidiamo di mettere in comune risorse (con un bilancio comune europeo, che oggi è pari a solo all’1% del PIL degli Stati europei), falliamo tutti. Non può funzionare un’Unione senza una politica comune, senza risorse proprie, senza una politica estera comune.

L’Europa ha un sacco di difetti, ma se vogliamo risolvere i nostri problemi, dobbiamo partire da lì, da una visione europeista che dobbiamo portare a compimento: servono, lo ripeto, gli Stati Uniti d’Europa”.

 

Michele Nicoletti (Parlamentare Italiano, capo delegazione italiana al Consiglio d’Europa):

“La politica internazionale non è politica estera, ma politica interna del mondo. Per contare nel mondo non possiamo fare altro che unirci e metterci insieme.

L’80% delle leggi le fa l’Europa: come riusciamo, di conseguenza, a renderla più democratica? Questa dovrebbe essere la discussione che ci trova impegnati, all’interno del Partito democratico, e non come facciamo il listino dei Consiglieri regionali. È come se il Granducato di Toscana discutesse sulle sue istituzioni interne, e non sulla democrazia del Regno d’Italia.

Oggi abbiamo 28 eserciti europei che non si faranno mai la guerra. Un esercito unico europeo, ci sono parecchi studi che lo dimostrano, ci farebbe risparmiare molti soldi.

Bisogna distinguere la questione delle migrazioni, da quelle dei profughi.

Quello che ha fatto la Merkel coi Siriani (una popolazione tutto sommato scolarizzata) dipende anche dalla consapevolezza che il sistema di welfare tedesco ed europeo non regge più, vari studi confermano che l’Europa, di qui al 2040, da sola non si regge: a causa dell’invecchiamento della popolazione il nostro sistema di welfare andrà in crisi. 

Quelle muigratorie sono certamente politiche complicate: bisogna evitare di scatenare l’odio nazionalistico, ma sono politiche che vanno gestite, per diminuire i disagi dei migranti e degli abitanti.

Serve una politica comune sul fronte migratorio e sull’asilo (lo dice l’articolo 78 del Trattato di Lisbona *, non lo dicono solo il Papa e le ONG)”.

 

Giorgio Tonini (Senatore PD, segreteria nazionale PD, Commissione esteri del Senato): 

“Come dice Matteo Renzi, il Partito democratico è fatto di primarie e di formazione politica: bene iniziative come questa. Senza abusare dei gufi, il successo del 2×1000 dimostra che il Pd funziona e che la formazione serve, anche perchè il consenso, in politica, non è dato per sempre: dobbiamo, ogni anno, riconquistarci la fiducia dei nostri datori di lavoro, i cittadini.

Per l’Europa uso sempre la frase di Galilei “Eppur si muove”.

L’Europa ha tantissime difficoltà, ma vedere da dove siamo partiti deve farci riflettere su quanto è cresciuta: uscendo dalla crisi abbiamo a disposizione uno strumento in più, la BCE di Mario Draghi; e ancora la Commissione Juncker è differente dalla Commissione Barroso: è almeno l’effetto delle ultime elezioni del Parlamento.

Abbiamo in tasca la moneta più forte del mondo, insieme al dollaro, ma non lo sfruttiamo, a differenza di quanto fanno gli USA.

Le tre grandi crisi internazionali che si stanno svolgendo sono proprio ai confini dell’Europa, bussano alle porte dell’Europa, ma né la Germania, né l’Inghilterra, né la Francia, da sole, possono avere un ruolo nelle crisi internazionali.

L’Africa ha bisogno di noi, anche come sfogo delle migrazioni: del resto l’Italia non sarebbe potuta crescere come è cresciuta senza le rimesse dei migranti.

“Aiutarli a casa loro” è certamente giusto, come dice la legge sulla cooperazione. Ma anche noi abbiamo bisogno dei migranti, senza di loro il nostro tasso di natalità sarebbe negativo.

Il cuore della democrazia del futuro è l’Europa, bisogna esserci nel dibattito su come renderla più democratica.

 

 

* Articolo 78 del Trattato di Lisbona

  1. L’Unione sviluppa una politica comune in materia di asilo, di protezione sussidiaria e di protezione temporanea, volta a offrire uno status appropriato a qualsiasi cittadino di un paese terzo che necessita di protezione internazionale e a garantire il rispetto del principio di non respingimento. Detta politica deve essere conforme alla convenzione di Ginevra del 28 luglio 1951 e al protocollo del 31 gennaio 1967relativi allo status dei rifugiati, e agli altri trattati pertinenti.
  2. Ai fini del paragrafo 1, il Parlamento europeo e il Consiglio, deliberando secondo la procedura legislativa ordinaria, adottano le misure relative a un sistema europeo comune di asilo che includa:
  3. a) uno status uniforme in materia di asilo a favore di cittadini di paesi terzi, valido in tutta l’Unione;
  4. b) uno status uniforme in materia di protezione sussidiaria per i cittadini di paesi terzi che, pur senza il beneficio dell’asilo europeo, necessitano di protezione internazionale;
  5. c) un sistema comune volto alla protezione temporanea degli sfollati in caso di afflusso massiccio;
  6. d) procedure comuni per l’ottenimento e la perdita dello status uniforme in materia di asilo o di protezione sussidiaria;
  7. e) criteri e meccanismi di determinazione dello Stato membro competente per l’esame di una domanda d’asilo o di protezione sussidiaria;
  8. f) norme concernenti le condizioni di accoglienza dei richiedenti asilo o protezione sussidiaria;
  9. g) il partenariato e la cooperazione con paesi terzi per gestire i flussi di richiedenti asilo o protezione sussidiaria o temporanea.
  10. Qualora uno o più Stati membri debbano affrontare una situazione di emergenza caratterizzata da un afflusso improvviso di cittadini di paesi terzi, il Consiglio, su proposta della Commissione, può adottare misure temporanee a beneficio dello Stato membro o degli Stati membri interessati. Esso delibera previa consultazione del Parlamento europeo.

 

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.