Bambini immigrati: una crisi nella crisi

6866108339_c72b9edffc_oI bambini (intesi come minorenni) sono il cuore di questa crisi dei rifugiati e ne sono seriamente colpiti. Nell’ultimo anno si è registrato un aumento del 75%  di bambini che richiedono asilo, tanto che oggi 1 su 4 dei richiedenti asilo in Europa è un bambino; si parla, nei primi sei mesi del 2015, di più di 160 mila bambini che in Unione Europea vivono questa condizione.

Per quanto riguarda l’Italia, ad oggi sono arrivati nel nostro paese circa 15 mila minori non accompagnati: di questi, 9409 sono ospitati nei centri di accoglienza, mentre altri 4640 sono “scomparsi” dopo essere stati registrati.

Dobbiamo sempre ricordarci che un bambino è innanzitutto un bambino, prima di essere un migrante. In tutte le decisioni e le procedure si dovrebbe sempre tenere conto del suo miglior interesse.

In riferimento a questo, con l’Intergruppo sui diritti dei bambini stiamo facendo un lavoro molto intenso che oggi abbiamo voluto rendere noto in una conferenza stampa tenuta qui a Bruxelles proprio sulla situazione dei minori nella crisi dei migranti.

Infine, una riflessione relativa all’Italia: si parla ovunque della volontà di uscire dall’emergenza immaginando un futuro per questi bambini. In questo senso, perché non rivedere le norme italiane sull’adozione? Paradossalmente, questa crisi non potrebbe aprire opportunità più  veloci a famiglie che normalmente impiegherebbero anni per ottenere un’adozione.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.