Insieme ai veterinari di ANMVI

3403587207_ff54972609_z

 

Dal sito dell’ANMVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani), (qui il link all’articolo originale), giovedì 17 settembre 2015.

 

 

 

ANMVI ha incontrato a Bruxelles l’On. Damiano Zoffoli

Questa mattina, nella sede del Parlamento Europeo di Bruxelles, il Presidente ANMVI, Marco Melosi, ha incontrato l’eurodeputato Damiano Zoffoli. A fare il punto sulla legislazione veterinaria in Europa è intervenuto anche il Vicepresidente ANMVI, Marco Colombo, con delega al settore degli animali da reddito.

Al centro dei colloqui con Zoffoli, membro della Commissione ENVI, il ruolo del Medico Veterinario nei numerosi provvedimenti nell’agenda delle Commissioni e del Parlamento dell’Unione, con particolare riguardo alla regolamentazione dei medicinali veterinari e alla nuova legge di sanità animale. L’incontro ha permesso di illustrare nel dettaglio le istanze già trasmesse a luglio a tutti i deputati italiani dall’ANMVI e di integrarle con osservazioni mirate al settore degli animali produttori di alimenti: titolarità prescrittiva, detenzione di scorte, cessione dei medicinali veterinari e uso prudente di antimicrobici in veterinaria sono stati i principali temi affrontati.

L’incontro ha anche consentito di fare il punto sui tempi delle proposte legislative in campo e sulle priorità del semestre. Nel calendario del Parlamento Europeo, il Regolamento sui Medicinali veterinari è previsto a novembre, con un passaggio (prima decade del mese) nella Commissione ENVI- Ambiente e Sicurezza Alimentare- e successivamente in plenaria per le votazioni (il 24 novembre) in prima lettura. Gli eurodeputati (Meps) hanno già iniziato a valutare i 976 emendamenti proposti dalla Commissione ENVI  (171 sono di pertinenza consultiva della Commissione AGRI-Agricoltura), titolare del provvedimento.

Nel corso dei colloqui, il Presidente Melosi ha toccato anche il tema dell’IVA sulle cure veterinarie, più volte sollevato nel contesto politico nazionale e altrettante ‘rimpallato’ alla competenza delle istituzioni europee.
La verifica dei possibili contributi dell’Europa alla ‘causa dell’IVA’ confluirà in un documento di sintesi richiesto dall’On Zoffoli, insieme ad una puntuale indicazione dei temi sensibili per la veterinaria italiana.

Incontro “molto soddisfacente” quello di oggi, secondo il Presidente ANMVI che ha registrato il vivo interesse dell’On Zoffoli a conoscere il punto di vista della veterinaria nazionale sulle materie prossime al voto e “l’importanza di prestare molta attenzione a quanto ci prepara l’Europa”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.