Cosa ci insegna il caso Volkswagen

8753660347_3b50937c2b_zLo scandalo Volkswagen desta preoccupazione per le ripercussioni che sta avendo sull’economia europea, e ancora di più per quelle che potrebbe avere, ma contiene anche una lezione di cui credo dovremmo fare tesoro.

Anche se esistono regole europee fissate dalla Commissione – non dimentichiamo che l’ambiente è il settore in cui l’UE dà il meglio di sé quanto a efficienza e incisività – il loro rispetto è affidato interamente agli stati nazionali. Il problema sorge quando c’è di mezzo un’impresa così grande da avere peso macroeconomico, e quando, per di più, lo stato partecipa dei profitti, com’è il caso dello stato tedesco in Volkswagen. Allora è facile che il controllore dimentichi di controllare con il necessario rigore.

Negli Stati Uniti esiste un’agenzia federale che indaga sul mancato rispetto delle leggi federali in materia di ambiente, l’EPA (Environmental Protection Agency). Mi sembra chiaro che qualcosa del genere manchi in Europa (l’Agenzia Europea per l’Ambiente non ha poteri di controllo) ed è un altro esempio di come gli stati membri dell’UE farebbero bene a trasferire più competenze a Bruxelles: è giusto che un’autorità federale vigili sul rispetto di regole federali. Allora facciamolo. Diamo più poteri all’Agenzia europea per l’ambiente. Così i consumatori europei saranno davvero garantiti e, forse, “incidenti” simili non si ripeteranno.

Questo mi sembra il principale insegnamento che dovremmo trarre dal caso Volkswagen. Puntare il dito sulla Germania e sul governo Merkel, per dimostrare che in fondo i tedeschi “non sono meglio di noi”, mi pare un esercizio meno utile, anche se per molti è quasi irresistibile. Quello che abbiamo scoperto è che neppure uno stato forte ed efficiente come lo stato tedesco può portare, da solo, le necessarie garanzie, e un’ Europa più forte aiuterebbe anche la Germania a essere, in casi come questo, all’altezza della propria reputazione.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.