Indicazione geografica anche per i prodotti non agricoli – approvata la proposta in Parlamento

Nella sessione plenaria del 6 ottobre 2015 abbiamo discusso e votato una relazione di iniziativa del Parlamento che chiede alla Commissione di istituire un marchio di indicazione geografica anche per i prodotti non agricoli; ci sono infatti moltissime produzioni artigianali, tipiche di specifici territori, che stanno scomparendo a causa della globalizzazione, dell’ingresso sul mercato di produzioni a basso costo e dello spopolamento di alcuni territori, soprattutto montani.

Inoltre, dove le produzioni sono molto più strutturate e a livello industriale (ad esempio nel caso delle piastrelle), l’istituzione dell’indicazione geografica garantisce un’arma in più nella lotta all’Import da paesi come la Cina o l’India, oltre a certificare per i consumatori la provenienza del prodotto da zone di produzione di qualità, considerato anche che i prodotti europei sono tra i più contraffatti.

Il parlamento sottolinea che questo sistema deve essere efficace, agile e privo di inutili oneri amministrativi per i produttori che decidono volontariamente di registrare il loro prodotto nel sistema di indicazioni geografiche. Si richiede, infatti, che l’uso della denominazione sia gratuito ed accessibile a tutti i produttori di una determinata area che realizzano prodotti secondo i metodi previsti. Il sistema prevede autorità aggiudicatrici che hanno il compito di certificare la vera provenienza IG dei prodotti.

Il parlamento sostiene anche che estendere le indicazioni geografiche possa contribuire a rendere la posizione dell’UE più coerente a livello internazionale, in modo da proteggere tutte le produzioni di qualità europee nell’ambito di negoziati commerciali bilaterali e multilaterali.

Il marchio IG aumenta poi la trasparenza delle materie prime e la tracciabilità dei prodotti nell’ottica di avere a disposizione strumenti adeguati per la repressione delle frodi.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.