Verso un nuovo accordo sul clima – Parigi 2015

unnamedTra meno di due mesi, a Parigi, i rappresentanti degli Stati Mondiali, insieme a studiosi ed esperti del clima, saranno chiamati a trovare nuove forme di lotta all’inquinamento e al surriscaldamento globale, per superare e aggiornare le direttive del Protocollo di Kyoto del 1997.

La riunione, cosiddetta, “COP-21” (Conferenza Delle Parti) avrà l’obiettivo di trovare a Parigi un compromesso per la lotta al cambiamento climatico. Il Parlamento invierà una delegazione di 15 deputati europei e proprio per questo motivo oggi in Assemblea Plenaria abbiamo approvato una relazione che fissa gli obiettivi che la nostra delegazione parlamentare dovrà difendere.

In questa infografica trovate la storia degli accordi sul clima da Rio De Janeiro 1992, a Parigi 2015.

I due obiettivi principali sono quello di limitare l’aumento della temperatura entro i 2°C e raccogliere le risorse per il Fondo verde per il Clima, che destinerebbe 100 miliardi di dollari fino al 2020 ai paesi in via di sviluppo per combattere il cambiamento climatico. Infatti il riscaldamento globale costituisce una della maggiori sfide che l’umanità dovrà affrontare negli ambiti dello sviluppo sostenibile, della salute e dell’economia e già oggi troviamo dei segni dei cambiamenti climatici in corso, come l’aumento delle temperature, lo scioglimento dei ghiacciai, il moltiplicarsi dei casi di siccità, di alluvioni, e di fenomeni metereologici estremi.

Allo stesso modo, servono importanti fondi perchè anche i paesi in via di sviluppo possano dotarsi delle tecnlogie necessarie per limitare l’inquinamento.

Nella relazione poi sono esplicitati anche alcuni ambiziosi obiettivi per l’Unione Europea, come quelli di ridurre le emissioni di gas a effetto serra del 50% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2030, incrementare la quota delle energie rinnovabili fino al 45% del mix energetico ed ottenere un risparmio energetico del 40%.

“Il Parlamento Europeo deve essere in prima linea nella lotta contro i cambiamenti climatici – sostiene Damiano Zoffoli – un tema che ci sta a cuore è che è da anni fondamentale nelle politiche europee. Faremo il possibile, a partire da questa relazione approvata oggi, perchè i nostri rappresentanti a Parigi ottengano il massimo dai negoziati e perchè gli impegni che ci prendiamo noi siano portati avanti velocemente ed efficacemente. I cambiamenti climatici richiedono una risposta urgente, responsabile e globale, che poggi sulla solidarietà della comunità internazionale; non possiamo perdere ulteriore tempo”.

Qui il testo della relazione: Accordo internazionale sul clima

 

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.