Tempo di mettersi al lavoro – Il mio discorso al congresso regionale del Movimento Federalista Europeo

12094776_10208208394791407_7828396228501447289_oDiscorso al congresso del MFE – Emilia Romagna. Reggio Emilia, 18/10/2015

Sono entrato da poco nel Movimento Federalista Europeo e nel Parlamento Europeo, sono in un certo modo l’“ultimo arrivato” e ne sono consapevole. Ma vorrei dirvi qualcosa della mia esperienza, che io giudico straordinaria.

Da diversi mesi mi sto confrontando con l’impressionante complessità dell’Europa, con la sua pluralità di istituzioni, di realtà, di linguaggi, di idee. È affascinante affacciarsi da quel balcone: si vede tutto ciò che succede nel nostro continente, le situazioni, i problemi; si vede quello che succede nel mondo e si vede come tutte queste realtà siano intrecciate, come tutto in qualche misura ci riguardi.

È affascinante… Ma l’Europa ha un problema, e il problema dell’Europa è nella sua testa e nei suoi piedi. Lasciate che mi spieghi.

L’Europa ha un corpo enorme, l’Unione europea, che è fatta di istituzioni e di uomini, ma anche di burocrazia, di regolamenti, di leggi. Ha invece una testa piccola: poca visione, poco pensiero politico, poca progettualità. E ha piedi piccoli e distanti dal resto di sé: i problemi concreti dei cittadini, i territori e le loro dinamiche, che sembrano lontane anni luce da quel corpo immenso e anche più da quella testa, ancora troppo piccola.

Problemi come il diametro delle vongole – quei due centimetri e mezzo che vanno forse bene per il Mare del Nord, mentre nell’Adriatico non hanno senso – possono sembrare irrilevanti e provocare facili ironie. Invece generano disagi autentici, che alimentano lo scontento e prestano il fianco ai populismi, ai troppi opportunisti della politica sempre pronti a colpire l’Europa per raccattare consensi.

Scollegato dai suoi piedi e con una testa così piccola, il grande corpo dell’Europa non può andare da nessuna parte.

Sembra superfluo sottolineare che stiamo vivendo un momento drammatico, eppure è così e può essere utile ripetercelo.

I problemi ci assediano e qualcuno crede che la soluzione sia di alzare muri. È un’idea assurda: l’immigrazione è un processo gigantesco, ed è già in corso. In questo stesso preciso momento milioni di persone sono in marcia per raggiungerci. Né muri né bracci di mare serviranno a fermarli. Dopo il corridoio dei Balcani si sta aprendo quello artico… Cos’altro serve per capire che non si tratta di un problema italiano o greco, ma di un problema europeo? È evidente. E richiede risposte europee.

Ma si è persa la fiducia fra gli stati: e questo è grave. Ecco il problema oggi in Europa. E per questo, soprattutto, c’è bisogno di politica. La politica è chiamata a costruire la fiducia. È il suo mestiere: costruire ponti, unire gli uomini liberi. È un’illusione che l’Europa possa essere affidata ai funzionari, ai tecnici. È il momento delle scelte politiche.

Queste scelte non riguardano soltanto il presente, ma anche il futuro. Nel Parlamento europeo io faccio parte dell’Intergruppo bambini. Pensate: una commissione parlamentare che si occupa delle ricadute che le nostre scelte politiche potrebbero avere sui bambini. I bambini di oggi sono l’umanità di domani: i suoi cittadini, la sua classe dirigente… È di questo che oggi dobbiamo occuparci, questo lo sguardo che dobbiamo avere.

Io ho fatto la mia scelta, che è per gli Stati Uniti d’Europa, per un’Europa unita e democratica. Sono entrato nel Movimento Federalista Europeo e ho aderito al Gruppo Spinelli. Ora bisogna lavorare. Fra un paio di giorni incontrerò a Bruxelles altri deputati, ci siederemo intorno a un tavolo e ragioneremo su come si può far ripartire in concreto questo grande progetto. Abbiamo perso troppo tempo negli anni passati: ora è tempo di mettersi al lavoro.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Tempo di mettersi al lavoro – Il mio discorso al congresso regionale del Movimento Federalista Europeo