Sottoprodotti: necessaria una normativa europea per facilitarne il riciclo

recyclingHo presentato alla Commissione Europea un’interrogazione per chiedere di migliorare le norme comunitarie in materia di sottoprodotti.

Sono arrivato alla stesura dell’interrogazione dopo un costante confronto con le consigliere regionali Manuela Rontini presidente della Commissione Ambiente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna e Lia Montalti relatrice della nuova legge regionale sui rifiuti approvata ad inizio Ottobre che pone come obbiettivo la realizzazione di un’economia circolare e che punta al raggiungimento entro il 2020 di 3 obiettivi precisi come la riduzione dei rifiuti pro capite del 20-25% (cioè meno di 150 kg per abitante), raccolta differenziata al 73% e recupero dei rifiuti al 70%.

Per far questo é fondamentale ridurre la produzione dei rifiuti, ed uno dei passi principali è definire con chiarezza le filiere del riutilizzo e del recupero, in particolare per quel che riguarda i sottoprodotti delle aziende.

Per potere mettere in atto politiche di economia circolare occorre incentivare e rendere favorevole il quadro normativo per il riutilizzo dei sottoprodotti, ma la direttiva vigente in materia, da sola, non è sufficiente a dare fiducia agli operatori industriali che spesso sono costretti a doversi difendere in sede giudiziaria poiché i sottoprodotti vengono, dai più, considerati rifiuti.

L’auspicio è che l’Unione europea, per sostanze ed oggetti specifici, formalizzi criteri certi, tramite apposite linee guida, per poter definire alcuni materiali sottoprodotti, così da dare certezza alle filiere produttive che vogliono riutilizzarli.

È quello che ho chiesto con la mia interrogazione.

Sono convinto che la realizzazione dell’economia circolare, uno dei cardini delle strategie europee su cui l’UE punterà moltissimo nei prossimi anni, si possa raggiungere solo attraverso una assidua collaborazione tra i territori e Bruxelles, ascoltando le esigenze di cittadini ed imprese, e cercando di tradurle in atti chiari e concreti a tutti i livelli istituzionali.

Qui trovate il testo dell’interrogazione: Interrogazione sottoprodotti

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.