Veneto: cronaca di due giorni di ascolto e condivisione

veneto500 chilometri, 8 incontri, 100 persone incontrate. Sono stati due giorni molto intensi ed emozionanti in Veneto. Due i fili conduttori del mio viaggio: ascoltare le esigenze di un territorio con una grande voglia di cogliere opportunità, raccontare quanto finora fatto in Parlamento Europeo.

Il Piave è un fiume simbolo della storia nazionale del ‘900. Il 4 novembre è anche la data dell’epilogo di una guerra tragica che su quelle sponde fu combattuta per 3 anni. Averlo attraversato, 100 anni dopo, proprio il 4 novembre, mi ha fatto ricordare il dovere che abbiamo oggi. Il dovere nei confronti dei milioni di uomini che sono caduti in una guerra folle e misera. Il dovere nei confronti dei nostri figli, affinché rifuggano le ideologie che hanno motivato quella guerra. L’Europa nasce sulle rovina di quella che, per certi storici, è una lunga guerra civile iniziata nel 1914 e conclusasi nel 1945. L’Europa unita, quella dei padri fondatori, è nata perché questo non potesse più accadere. Avrà tanti difetti e tanti problemi, l’Unione Europea di oggi, ma ci ha permesso di far tacere i fucili e far parlare le idee.

Idee in alcuni casi brillanti, come quella che inizialmente creò la Politica Agricola Comune negli anni ’60, con il chiaro obiettivo di garantire il reddito agricolo e proteggere i coltivatori. Senza la PAC le campagne, probabilmente, si sarebbero spopolate prima. Mercoledì 4 novembre, nell’incontro organizzato dall’on. De Menech con amministratori locali del feltrino, associazioni di categoria del mondo agricolo e il presidente e il vice-presidente di Lattebusche, mi è stato spiegato chiaramente quanto sta accadendo al settore lattiero-caseario per via di scelte politiche che hanno messo davanti il mercato alla protezione del reddito agricolo. Una protezione del reddito che, oltre a tutelare il valore e la qualità della produzione e la passione per il lavoro manuale, significa proteggere anche il territorio, evitando i disastri idrogeologici che proprio in Veneto continuano a ripetersi. Agricoltura di montagna significa difesa del suolo e produzione di qualità. Mi sono sempre battuto e mi batterò sempre per questo.

Mercoledì scorso ho incontrato anche il Sindaco di Treviso Giovanni Manildo, diversi esponenti della sua Giunta e del gruppo consiliare democratico e alcuni Sindaci della cintura di Treviso. E’ stato un incontro franco e serio sulle opportunità che i fondi europei offrono per le PMI. Ho presentato loro la guida ai finanziamenti che ho recentemente edito e ci siamo lasciati con l’idea che questo sia l’inizio di un percorso di reciproca collaborazione.

In serata sono stato prima a Vittorio Veneto, splendida città simbolo, in cui ho avuto modo di ricordare quanto l’Europa conti per la pace che loro hanno deciso di celebrare con una mostra dedicata, in ricordo del centenario della I Guerra Mondiale.

Infine sono stato a Marostica per incontrare coordinatori di circolo e attivisti del Partito Democratico del bassanese: un confronto a 360 gradi sul ruolo del Parlamento Europeo e sul funzionamento dell’UE in generale. Un incontro completato, la mattina seguente, da un confronto con le associazioni di categoria a Bassano del Grappa, insieme all’assessore alle attività produttive Giovanni Cunico. Anche qui, un punto di partenza per rappresentare le esigenze di questo splendido angolo di Veneto tra il Grappa e il Brenta.

Giovedì sono stato a Verona e Monselice per incontrare categorie economiche, professionisti e amministratori locali presso le sedi locali del Pd, con le stesse finalità e gli stessi obiettivi degli incontri che ho avuto a Bassano del Grappa e Treviso. E’ stata ancora una volta condivisa la necessità di un approccio scrupoloso e ragionato ai fondi comunitari e all’Unione Europea in generale.

In tutti questi incontri ho visto persone preparate, appassionate, innamorate del Veneto e grandi lavoratori. Questa immagine splendida di un Veneto che vuole rilanciarsi, come tra l’altro dimostrano anche gli indicatori economici, si sposa con le nuove opportunità della programmazione comunitaria. Il ruolo di un parlamentare europeo è quello di sintesi tra questo spirito forte e innovativo e queste opportunità che offre l’UE.

Un’ultima occasione di confronto è stata quella con Team for children di Vicenza, che con una grande campagna di fund-raising hanno realizzato un Day Hospital di oncologia pediatrica all’avanguardia e che permette a molti bambini e ragazzi di vivere diversamente le difficoltà della malattia. L’impegno del volontariato, la forza di madri e padri tenaci, la grande solidarietà: sono questi i valori che mi guidano anche nella mia esperienza nell’intergruppo per i diritti dei minori.

Qui alcune foto dei due giorni:

Veneto

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.