Per un superamento dei confini digitali

The tablet readerNonostante il trattato di Schengen, che ha aperto i confini europei alle persone e alle merci e che ha consentito a tutti di poter liberamente girare in tutti gli stati Europei, quando si parla di digitale esistono ancora confini tra gli Stati; confini invisibili ma che condizionano le nostre attività concrete, il commercio e l’intrattenimento.

Proprio per superare questi “confini invisibili” la Commissione Europea ha varato ieri una proposta di regolamento che porterà due importanti modifiche ai regolamenti digitali europei: la prima riguarda la regolamentazione del commercio elettronico transfrontaliero, la seconda la cosiddetta “portabilità del diritto d’autore” (eliminazione del ‘geoblocking”).

Regolamentazione del commercio elettronico transfrontaliero:

Si calcola che il 15% dei cittadini europei abbia fatto almeno un acquisto online nel 2014; nonostante questo, ancora oggi ogni stato ha la propria regolamentazione per il commercio online e 28 regolamentazioni diverse generano confusione e bloccano alcuni tipi di acquisti. Per questo la Commissione ha presentato una proposta di regolamentazione unica per tutti gli Stati Europei che armonizzi il mercato degli acquisti online. Si è calcolato infatti che se per gli acquisti online i consumatori potessero scegliere fra l’intera gamma di beni e servizi offerta dalla UE, il risparmio sarebbe di 11,7 miliardi di euro all’anno; tra l’altro solo il 7% delle Piccole e Medie Imprese della UE vende oltrefrontiera. Le potenzialità del commercio online sono elevatissime, con questo importante passo avanti la Commissione offre alle aziende gli strumenti per sfruttarle al meglio anche perchè con norme moderne e semplificate sugli acquisti transfrontalieri online e digitali, più imprese si sentirebbero incoraggiate a vendere online e aumenterebbe la fiducia dei consumatori nel commercio transfrontaliero.

Portabilità del diritto d’autore:

Con lo sviluppo della banda larga avvenuto negli ultimi anni, in molti guardano contenuti digitali come film, eventi sportivi, serie televisive da computer o da tablet, superando il tradizionale mezzo televisivo e creando nuovi problemi per quel che riguarda il diritto d’autore nei paesi esteri, che blocca la visione di questi contenuti se si utilizzano in uno stato diverso da quello in cui si è negoziato il contratto (il cosiddetto “geoblocking”). Con questo regolamento la Commissione europea punta ad eliminare questo problema e a rendere i contenuti digitali visibili in qualsiasi stato europeo come se si fosse nel proprio stato di residenza. Un passo importante, che ha già scatenato polemiche da parte dei produttori di contenuti digitali ma che va incontro alle richieste di milioni di cittadini europei, visto che un recente sondaggio afferma che 1 europeo su 3 è interessato a guardare film o a accedere ad altri contenuti al di fuori del proprio paese.

 

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.