COP 21 di Parigi: un buon punto di partenza

Air Pollution in the United States

La Conferenza di Parigi ha richiesto un prolungamento dei propri lavori oltre il previsto, ma in conclusione ce l’ha fatta: è stato approvato un Accordo importante, probabilmente il più importante documento interazionale sul clima e l’ambiente mai sottoscritto dagli Stati.
Quattro sono i punti principali che caratterizzano l’accordo che, lo ricordiamo, è stato sottoscritto all’unanimità:
Mantenere l’aumento di temperatura inferiore ai 2 gradi, e compiere sforzi per mantenerlo entro 1,5 gradi.
Smettere di incrementare le emissioni di gas serra il prima possibile e raggiungere nella seconda parte del secolo il momento in cui la produzione di nuovi gas serra sarà sufficientemente bassa da essere assorbita naturalmente
 – Controllare i progressi compiuti ogni cinque anni, tramite nuove Conferenze.
 – Versare 100 miliardi di dollari ogni anno ai paesi più poveri per aiutarli a sviluppare fonti di energia meno inquinanti.

Anche l’Unione Europea ha avuto un ruolo di rilievo, e questo è bene sottolinearlo: in primo luogo perché l’Unione è ora una delle parti che ha sottoscritto l’Accordo, alla pari con gli altri Stati, e questo condizionerà positivamente le politiche che l’UE adotterà nei prossimi anni, che dovranno andare nella direzione indicata dalla Conferenza.

In secondo luogo, perché l’Unione è stata capace di fare un buon lavoro negoziale con alcuni Stati insulari oceanici ed altri governi particolarmente sensibili al tema climatico, e questo ne conferma la sua potenzialità di assoluta centralità politica a livello interazionale.
Importante poi ricordare che due dei 4 punti principali dell’accordo erano quelli che caratterizzavano il documento approvato dal Parlamento Europeo in previsione della conferenza di Parigi.
Ovviamente non possiamo dirci soddisfatti del tutto, perché alcuni passi importanti non sono stati comunque compiuti: mancano in particolare meccanismi vincolanti e sanzionatori, che avrebbero potuto darci finalmente un sistema di regole effettivamente rispettate in materia ambientale. Ciò nonostante quello di Parigi è stato un bel giorno: finalmente è risultata condivisa una consapevolezza a livello mondiale sulla necessità di agire per fermare il surriscaldamento globale e ridurre il consumo e la ricerca di fonti d’energia fossili.

Ora tocca a ciascun livello di governo ed a ciascun cittadino adoperarsi perché una società basata sulla circolarità della produzione, sul riuso e sulla sostenibilità ambientale salvino il nostro pianeta da conseguenze che non vogliamo neanche immaginarci.

Qui il testo integrale dell’accordo di Parigi: Parigi – COP 21

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.