Schengen in crisi? La “generazione Erasmus” si ribelli.

COPERTINA4In questi giorni di preoccupazione sul futuro del trattato di Schengen e della libera circolazione di persone e merci attraverso l’Europa sono stati resi noti i dati del programma Erasmus+ per il 2014.

Il programma più conosciuto tra i finanziamenti europei, che proprio dal 2014 aggiunge anche i lavoratori, oltre agli studenti, tra i candidati a passare qualche mese all’estero sembra essere la risposta più adatta ai venti di divisione che soffiano in Europa, programma che tra l’altro é stato da poco rifinanziato con 15 miliardi di euro per i 7 anni 2014-2020, con un aumento del 40% dello stanziamento rispetto al precedente.

Le cifre parlano di 650mila borse di studio erogate in tutta Europa nel solo 2014, delle quali 57 832 solo in Italia, con un investimento in termini monetari che supera i 93milioni di euro.

Per tutte queste ragioni la collega Silvia Costa ha promosso la campagna #schengeniserasmus, che faccio anche mia e che rilancio.

Infatti per comprendere il valore di Schengen bisogna parlare coi ragazzi della “generazione Erasmus”; quei ragazzi che hanno avuto la possibilità di studiare all’estero e che si sono resi conto direttamente di quanto i confini tra gli stati europei ormai siano solo “divisioni amministrative” e che l’Europa è un mix di culture e di sensibilità dal quale ormai sarebbe antistorico e controproducente tornare indietro.

Mia figlia Benedetta è nata nel 1989, lo stesso anno della caduta del Muro di Berlino. Il programma Erasmus ha più o meno la stessa età. Mi auguro che i ragazzi e i giovani come mia figlia, quelli della “generazione erasmus”, di fronte al sorgere di “nuovi muri” si ribellino e spero di vedere alle frontiere gruppi numerosi dei nostri ragazzi che protestano per difendere le libertà acquisite che hanno accompagnato la loro formazione e la crescita dell’Europa.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.